Home Archivio storico 1998-2013 Estero Concorso a cattedra: promemoria ai candidati per il regolare svolgimento delle prove

Concorso a cattedra: promemoria ai candidati per il regolare svolgimento delle prove

CONDIVIDI
  • Credion

All’Art. 5 del Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012 sono indicate passo passo tutte le formalità che ciascun candidato deve rispettare per accedere agli esami preselettivi che si svolgeranno in più sessioni secondo il calendario pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4^ Serie Speciale, Concorsi ed Esami, del 23 novembre 2012, sulla rete intranet e sul sito del Ministero(www.istruzione.it), nonché sui siti internet degli Uffici scolastici regionali competenti a gestire la procedura. Nella stessa G.U. sono resi noti il calendario, le sedi e le ulteriori modalità di svolgimento della prova preselettiva, compresi la comunicazione in merito alla pubblicazione dell’archivio da cui sono estratti i quesiti, nonché delle modalità di restituzione al candidato di copia della prova svolta, se richiesta. L’avviso ha valore di notifica a tutti gli effetti. Viene pure raccomandato ai candidati di controllare il calendario personale fino alla data prevista dello svolgimento della prova. Dato l’elevato numero dei partecipanti e degli istituti coinvolti, l’indicazione delle aule potrebbe subire – seppur in casi isolati – qualche variazione dovuta esclusivamente ad eventuali eventi atmosferici o ad altri eventi comunque esterni al meccanismo del concorso stesso. La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, comunque giustificata e a qualsiasi causa dovuta, comporta l’esclusione dal concorso sulla base di quanto disposto all’art. 5 comma 8 del bando di concorso.
In modo particolare i candidati ammessi a ciascuna sessione hanno a disposizione una postazione informatica alla quale accedono tramite un codice di identificazione personale che sarà fornito il giorno della prova.
Per ciascun candidato il sistema genera casualmente una prova costituita da 50 quesiti a risposta multipla con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta, così ripartiti:
– capacità logiche 18 domande;
– capacità di comprensione del testo 18 domande;
– competenze digitali 7 domande;
– conoscenza della lingua straniera 7 domande.
I quesiti sono estratti da una banca dati resa nota tramite pubblicazione sul sito del Ministero (www.istruzione.it) 20 giorni prima dell’avvio delle sessioni di preselezione.
La prova ha la durata di 50 minuti, al termine dei quali il sistema interrompe la procedura e acquisisce definitivamente le risposte fornite dal candidato fino a quel momento. Fino all’acquisizione definitiva il candidato può correggere le risposte già date.
La risposta corretta vale 1 punto, la risposta non data vale 0 punti e la risposta errata vale – 0,5 punti. Il risultato della prova è immediatamente visualizzato sulla postazione del candidato.
Sono ammessi alla prova scritta i candidati che hanno conseguito un punteggio non inferiore a 35/50. Il non superamento della prova comporta l’esclusione dal prosieguo della procedura concorsuale. Il punteggio della prova non concorre alla formazione del voto finale nella graduatoria di merito.
I candidati che non ricevono comunicazione di esclusione dal concorso sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova di preselezione secondo le indicazioni contenute nel predetto avviso, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale.
Qualora, per cause di forza maggiore sopravvenute, non sia possibile l’espletamento di una o più sessioni della prova preselettiva nelle giornate programmate, ne viene stabilito il rinvio con comunicazione, anche in forma orale, ai candidati presenti.
Durante lo svolgimento della prova i candidati non possono introdurre nella sede di esame carta da scrivere, appunti manoscritti, libri, dizionari, testi di legge, pubblicazioni, strumenti di calcolo, telefoni portatili e strumenti idonei alla memorizzazione o alla trasmissione di dati, né possono comunicare tra loro. In caso di violazione è disposta l’immediata esclusione dal concorso.
Con avviso ai direttori generali del 23 novembre, prot. n. AOODGPER. 8899/bis, il Miur, al fine di assicurare l’uniformità dei comportamenti da tenere nella fase di organizzazione e svolgimento della predetta, fornisce le indicazioni operative da tenere da parte delle commissioni, delle scuole e dei dirigenti.
Viene subito confermato che è opportuno sospendere l’attività didattica nelle scuole sedi di svolgimento della prova, salvo che la situazione concreta e logistica consenta di svolgere la stessa prova senza intralcio alle predette attività.
In modo particolare è indispensabile assicurare che i comitati di vigilanza siano presieduti dal dirigente dell’istituzione scolastica sede della prova (o dal vicario in caso di malattia oppure di reggenza, qualora il dirigente sia titolare di altro istituto sede di concorso) e composti da due referenti (tecnico e amministrativo) per ciascuna aula impegnata e da altri due soggetti scelti tra il personale della scuola e di codesti uffici. Per ogni comitato deve essere individuato un componente con funzioni di segretario. Per il regolare svolgimento della prova i suddetti comitati si avvalgono di un numero congruo di personale addetto a compiti di sorveglianza ed assistenza interna;
 Verificare con il massimo rigore che non sussistano cause di incompatibilità nella nomina dei Presidenti e dei membri dei Comitati di vigilanza, ai sensi dell’articolo 9 del DPR n. 487 del 1994;
 Sensibilizzare i comitati di vigilanza sulla necessità che le operazioni di riconoscimento dei candidati siano compiute da parte dei referenti amministrativi d’aula con il massimo rigore e nel rispetto di quanto previsto dal comma 8, dell’articolo 5 del DDG n. 82 del 24 novembre 2012 (verificare che i candidati siano muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale);
 Verificare che siano ammessi a sostenere la prova, se non presenti negli elenchi degli aspiranti che hanno inoltrato regolare domanda di partecipazione al concorso, solo i candidati muniti di ordinanze o di decreti cautelari dei giudici amministrativi a loro favorevoli;
 Assicurare la più completa vigilanza da parte delle Forze dell’Ordine su tutte le scuole nelle quali si svolgono le prove preselettive, in vista di un’eventuale superaffluenza di candidati e di probabili azioni dimostrative di candidati non ammessi, contattando il Prefetto ed il Questore competente.
 Allertare i Presidenti dei Comitati di vigilanza affinché rendano possibile lo svolgimento della prova anche nel caso di una superaffluenza di candidati dovuta alla emissione di provvedimenti cautelari favorevoli nell’immediata prossimità delle date della prova.
 Assicurare una congrua dotazione di fogli di carta bianca e di penne da rendere disponibile presso ogni postazione informatica;
 Assicurare che i presidenti dei comitati, con l’ausilio dei referenti d’aula, invitino i candidati a prestare massima attenzione alle istruzioni necessarie per l’utilizzo delle postazioni informatiche e alle avvertenze relative al corretto svolgimento della prova, ivi compresa quella relativa al divieto assoluto di lasciare l’aula durante e prima della conclusione della stessa;
 Assicurare la presenza di un adeguato sistema di comunicazione, in particolare in via telematica, che garantisca l’immediata segnalazione da parte dei Presidenti dei Comitati di Vigilanza al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della chiusura delle operazioni di ingresso dei candidati nelle aule per ciascuna sessione di esame.
Inoltre, con riguardo a quanto disposto dall’articolo 5, comma 5, del citato DDG N. 82 circa la visualizzazione immediata dei risultati della prova, si richiama l’attenzione sulle seguenti avvertenze:
a) nel momento in cui per tutti i candidati si sia esaurito il tempo a disposizione per lo svolgimento della prova, i referenti tecnici d’aula provvederanno ad acquisire da ciascuna postazione informatica la prova stessa mediante scarico su apposita pen drive;
b) soltanto al termine delle operazioni sub a) su ciascuna postazione informatica sarà visualizzato il risultato della prova;
c) durante la fase di cui al punto a) i candidati sono tenuti a non lasciare per alcuna ragione la propria postazione e ad attendere i risultati senza ostacolare in nessun modo le operazioni di acquisizione delle prove.
Si raccomanda, altresì, la massima attenzione sulla necessità che ai candidati con disabilità vengano assicurati tutti gli ausili previsti dalla normativa vigente e previamente concordati con gli interessati, anche avvalendosi dei supporti tecnici e dell’assistenza forniti dalle associazioni dei disabili.
Si prega di segnalare in tempo utile, avverte il Miur rivolgendosi agli Usr, ogni particolare dell’intera procedura di preselezione che a proprio giudizio possa presentare elementi di criticità, anche durante la prova preselettiva ai seguenti numeri:
– Segreteria Direttore Generale per il Personale Scolastico Tel. 06/58492926 – 4990;
– Ufficio III – Direzione Generale per il Personale Scolastico 06/58492338 – 2945
– Ufficio IV – Dipartimento Istruzione 06/58492862 – 3088
Come si vede tutto sembra predisposto affinchè gli esami relativi alla preselezione avvengano nel modo più ordinato possibile, senza interventi estranei alle correttezza complessiva delle procedure, raccomandando persino il rispetto dell’orario assegnato a ciascun candidato e gruppi di candidati ai quali viene pure prescritto di evitare assembramenti e confusioni nelle scuole, presentandosi quindi alle prove solo qualche minuto prima del proprio turno.