Home I lettori ci scrivono Concorso D.S., considerazioni sulla sentenza del Consiglio di Stato

Concorso D.S., considerazioni sulla sentenza del Consiglio di Stato

CONDIVIDI

Le sentenze si rispettano, ma si possono esprimere considerazioni su esse e su ciò che determinano.

In questo periodo storico spesso sembra che oltre la pandemia del conoravirus, ci sia la pandemia di principi, norme, regole scritte e non scritte che suscitano limpressione di una tendenza a stravolgere con disinvoltura il dettato Costituzionale, con grave danno alla società democratica.

Icotea

Si avverte spesso la prevalenza di soggettiva discrezionalità che attuata dalluomo, dice Popper, si avvicina al vero se si propone col dubbio.

Premetto che non sono un giudice, né un avvocato, per cui in nessun modo intendo sindacare competenze e professionalità degli esperti nel settore. Sono solo un ex preside, ancora in campo, che per i vari incarichi ricoperti ha qualche esperienza di ratio giuridica di una norma e di lettura di altre disposizioni di natura giuridica.

Sono pure un uomo, diciamo libero pensatore, che avverte lesigenza nel dire la sua, di cercare di non essere di parte.

Nel caso dei risvolti della sentenza del Consiglio di Stato di cui sopra, penso che qualcosa vada detto.

La sentenza cassa quella del Tar che annullava il concorso e dà piena ragione giuridica al Ministero dell’Istruzione avallando in toto atti compiuti, riconoscendo disposizioni di legge attuate e quantaltro già fatto.

Orbene mi sorge spontaneamente limpressione che lAmministrazione abbia considerato la sospensiva come una sentenza definitiva e non come un’ ordinanza provvisoria per gli atti indifferibili, a tutela degli interessi generali.

Ha nominato vincitori di concorso con riserva e no, ha sollecitato ed ottenuto disposizioni de legge modificative del risultato del concorso ancora in stato di annullamento, ed altro al riguardo, dando limpressione dal 12 luglio 2019, momento della sospensiva, di aver colto il risultato finale.

A molti è sembrato cosi.

Daltra parte la sentenza, pur espressa dopo lunga riflessione, per casuale coincidenza, non delude le aspettative dellAmministrazione.

In alcune parti si ha pure la sensazione di quasi un rimprovero a qualche legale, rilevando qualche trascuratezza nei ricorsi. E’ così?

Sembra, ho voluto evidenziarlo.

Sta di fatto che alla fine,dopo lammissione agli esami, sempre per sentenza, anche di coloro che non avevano superato le prove preselettive, certo con motivazioni giuridiche, valutato il tutto nel complesso, sorgono perplessità.

Alla fine restano fuori diversi candidati, non ammessi alla prova orale, per i quali sono rimasti aspetti non chiari della procedura concorsuale in esame di indagine penale, per i quali lAmministrazione, dopo quanto su evidenziato, non può trascurare la possibilità di assicurare ulteriori disposizioni che determinino un esito finale complessivamente equo.

Voglio finire con Umberto Eco che propone un racconto attribuito a Beckett, da leggere con attenzione e da cui nasce la famosa espressione Ci deve pur essere un giudice a Berlino”.

Giovanni Torrisi