Home Attualità Concorso scuola. Bianchi: si riparte con i due ordinari già banditi. No...

Concorso scuola. Bianchi: si riparte con i due ordinari già banditi. No sanatorie

CONDIVIDI

“Non intendo fare sanatorie, il mio obiettivo è arrivare a un sistema a regime con concorsi annuali. Stiamo concludendo il concorso straordinario e presto avvieremo i due ordinari già banditi“. Lo afferma il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in un’intervista rilasciata alla Repubblica, ad appena due giorni dalla presentazione delle linee programmatiche e a poche ore dal question time alla Camera.

Presentazione Linee Programmatiche

Linee Programmatiche

Ma la conclusione del concorso straordinario e la ripartenza dei due ordinari non esauriranno il lavoro del Ministro. Le esigenze di organico scuola del Paese sono ben maggiori dei posti che i concorsi già banditi possono colmare, in vista del rientro in classe a settembre. Il titolare del dicastero dell’Istruzione dovrà tenere conto delle istanze dei giovani che chiedono di essere assunti per merito, ma anche di quelle dei precari storici, che contano nella possibilità di vedere stabilizzata la propria professione.

Icotea

“Sui precari bisogna tener conto delle differenti situazioni – ha dichiarato il Ministro alla testata La Repubblica – chi ha specializzazioni, chi ha già superato concorsi, chi ha tanti anni di servizio. Riconosceremo le loro esperienze professionali, e le esigenze degli studenti per dar loro continuità didattica. Stiamo lavorando per garantire a settembre la ripartenza con soluzioni adeguate al Paese”.

Anche durante l’audizione del 4 maggio, di cui riferisce il nostro direttore Alessandro Giuliani, il titolare del Mi aveva mostrato un’apertura verso l’immissione in ruolo dei precari storici già abilitati e specializzati: “Su quasi 500 mila posti comuni, abbiamo oltre 200 mila docenti a tempo determinato con situazioni diverse – ha ricordato Bianchi -, la cosa sbagliata è trattarli tutti allo stesso modo, sono persone con titoli ed esperienze diverse”.

Il ministro Bianchi, insomma, è in cerca di una sintesi che faccia chiudere il cerchio: “Stiamo ragionando col Mef per capire come riconoscere titoli e merito diversi e permettere di far confluire queste persone all’interno di una visione stabile per far partire la macchina di una assunzione regolare e continua”.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

I corsi di preparazione al concorso

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, concorso ordinario per scuola secondaria

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, concorso ordinario per scuola dell’infanzia e primaria

Per prepararti sui temi della didattica digitale, il corso e-learning Nuove tendenze della didattica, tra digitale e innovazione, destinato a docenti di ogni ordine e grado.

Ambiti disciplinari

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica, classe di concorso A18, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Scienze umane, a cura di Angelo Morales.

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica classe di concorso A19, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Storia, a cura di Salvatore Di Stefano.

Per prepararti al concorso ordinario in ambito linguistico segui il corso Concorso ordinario Ingleseclasse di concorso A24, A25.

LEGGI ANCHE