Home Attualità Così si diventa personale Ata nella scuola. Guida alla domanda di aggiornamento...

Così si diventa personale Ata nella scuola. Guida alla domanda di aggiornamento graduatorie III fascia

CONDIVIDI
  • Credion

Le domande per le graduatorie di terza fascia d’istituto per il personale ATA (collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, guardarobieri, infermieri e cuochi), per le supplenze nella scuola statale, si potranno presentare dal 30 settembre al 30 ottobre 2017.

È già stato pubblicato il decreto 640/17 di riapertura, mentre questi sono i modelli di domanda.

Icotea

Modello D1 per le domande di inserimento

Modello D2 per le domande di conferma e aggiornamento.

Modello D3 per esprimere sedi (da compilare su Istanze OnLine).

Modello D4 depennamento dalle graduatorie di I fascia per iscriversi in terza

 

Le domande potranno essere presentate in modalità cartacea o PEC fino al 30 ottobre 2017.

 

Ecco la sezione dedicata del Miur con tutte le ultime notizie (clicca qui)

 

 

Quali sono i lavori ATA

 

I lavori nei servizi della scuola sono di diverso tipo e si svolgono in diverse tipologie di scuole:

 

  • Area A: Collaboratore scolastico (CS): in tutte le scuole
  • Area As: Collaboratore scolastico addetto all’azienda agraria (CR), solo negli istituti agrari
  • Area B:
    • Assistente Amministrativo (AA): in tutte le scuole
    • Assistente Tecnico (AT): solo nelle scuole secondarie di II grado
    • Cuoco (CU): solo nei convitti/educandati
    • Infermiere (IF): solo nei convitti/educandati
    • Guardarobiere (GU): solo nei convitti/educandati
  • Area D: Direttore dei servizi generali ed amministrativi (DSGA): in tutte le scuole

 

 

La descrizione dei vari profili è disponibile nella Tabella A allegata al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) della scuola statale.

 

 

I titoli di studio richiesti per poter lavorare come ATA

 

I titoli di studio richiesti sono diversi per i vari profili a partire dal diploma di qualifica triennale fino alla laurea (vecchio ordinamento ovvero specialistica/magistrale). Esistono alcune deroghe per chi era già incluso in precedenti graduatorie o aveva svolto servizio per almeno 30 giorni in un determinato profilo.

Per il profilo di DSGA è richiesto il possesso di una laurea del vecchio ordinamento ovvero specialistica/magistrale in giurisprudenza; in scienze politiche sociali e amministrative; in economia e commercio o titoli equipollenti.

 

Come si può essere assunti nella scuola statale

 

Con il solo titolo di studio richiesto si può chiedere di essere inclusi nelle graduatorie d’istituto di III fascia (escluso i DSGA), che vengono utilizzate dalle scuole per l’assunzione dei supplenti in sostituzione del personale assente. Gli aggiornamenti sono triennali. Nel 2017 è prevista la pubblicazione del nuovo bando di reclutamento. A questo indirizzo tutti i dettagli.

 

Le assunzioni a tempo indeterminato (escluso i DSGA) avvengono dalle graduatorie permanenti (24 mesi) che si aggiornano/integrano di anno in anno con l’inclusione di coloro che hanno già maturato almeno 24 mesi di servizio come ATA nella scuola statale.

 

Per i DSGA esistono specifiche regole per le assunzioni a tempo determinato sui posti liberi che avvengono dalle precedenti graduatorie di concorso per Responsabili amministrativi o utilizzando assistenti amministrativi già in servizio. La sostituzione temporanea per assenze avviene, di norma, con un incarico ad un assistente amministrativo in servizio nella scuola. Le assunzioni a tempo indeterminato avvengono dalle graduatorie dei concorsi ordinari: è prevista la pubblicazione del bando di concorso che si attende da molti anni.

 

Personale ATA – Sedi esprimibili

 

L’applicazione che segue ha un duplice scopo:

  • individuare la scuola a cui chiedere la valutazione della domanda. Tale scuola va riportata nei MODELLI cartacei D1 e D2 che l’interessato dovrà compilare;
  • scegliere preventivamente le 30 scuole a cui chiedere l’inclusione in graduatoria. Tali scuole andranno riportate nel MODELLO D3 da compilare su Istanze on line. Si possono scegliere solo sedi della stessa provincia a cui è stato presentato il MODELLO D1 o D2 cartaceo. L’assenza del MODELLO D3 comporterà l’inclusione nelle sole graduatorie della scuola presente nel MODELLO D1 o D2.

Le sedi esprimibili ai fini dell’inclusione nelle graduatorie d’istituto, sono, in base alla vigente normativa, gli istituti e le scuole di istruzione primaria e secondaria, gli istituti d’arte, i licei artistici, le istituzioni educative, e le scuole – ivi comprese le istituzioni educative – speciali statali. Non sono, invece, esprimibili: le Accademie e i Conservatori, le istituzioni annesse diverse da qualle annesse a Conservatorio, i convitti e gli educandati annessi a istituto.

 

CLICCA QUI 

 

Chi deve presentare domanda (fonte FLC CGIL)

 

  • Coloro che erano già inclusi nelle precedenti graduatorie d’istituto per confermare l’iscrizione ed eventualmente dichiarare nuovi titoli e servizi utilizzando il modello D2potranno comunque scegliere una scuola/provincia diversa da quella del 2014. Chi era già incluso e deve inserire nuovi profili dovrà effettuare un nuovo inserimento (modello D1) per tutti i profili (inclusi i precedenti) dichiarando nuovamente tutti i titoli e servizi.
  • Coloro che sono già inclusi nelle graduatorie permanenti (24 mesi) o nelle graduatorie/elenchi ad esaurimento provinciali (II fascia) e presentano domanda di inserimento per la terza fascia in provincia diversa devono compilare anche il modello D4 per chiedere il depennamento da tali graduatorie: questa scelta è particolarmente delicata e quindi è opportuno rivolgersi alle nostre sedi per la consulenza.

 

Attenzione: chi non conferma/aggiorna non sarà più incluso nelle graduatorie di istituto di terza fascia.

 

Personale assistente tecnico – Allegato C

L’applicazione è destinata al solo personale che intende figurare, avendone titolo, nelle graduatorie del profilo professionale di assistente tecnico. Tale profilo è organizzato per aree, ciascuna afferente a uno o più laboratori.  Dato il titolo d’accesso, l’utente potrà vedere l’area professionale e il laboratorio corrispondente. Non sono presenti i diplomi di cui al DPR 87/2010 e al DPR 88/2010. Nel caso in cui l’aspirante sia in possesso di uno di questi titoli di studio dovrà compilare il modello di domanda, D1 o D2, come indicato nella nota 12 presente nei modelli di domanda D1 e D2.

 

CLICCA QUI

 

Altri riferimenti a normativa e approfondimenti

 

Scheda sui requisiti per poter accedere.

Bando (DM 640/17).

Tabella di corrispondenza titoli/laboratori assistenti tecnici.

Guida alla registrazione su istanze online.

Regolamento delle supplenze ATA