Home Attualità Covid Piemonte, dal 26 ottobre DaD al 50% alle superiori e “coprifuoco”...

Covid Piemonte, dal 26 ottobre DaD al 50% alle superiori e “coprifuoco” dalle ore 23 alle 5

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Da lunedì 26 ottobre e fino al 13 novembre 2020 saranno vietati in tutto il Piemonte gli spostamenti dalle 23 alle 5 del mattino dopo.

Faranno eccezione comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e urgenza, motivi di salute oppure il rientro a casa o presso la propria dimora, che dovranno essere certificate con una autodichiarazione.

MODELLO DI AUTODICHIARAZIONE

ICOTEA_19_dentro articolo

A stabilirlo è l’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza d’intesa con il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi della pandemia.

DaD al 50% alle superiori, ma non per le prime

L’ordinanza di oggi si aggiunge dunque al provvedimento del 20 ottobre che ha previsto che da lunedì 26 ottobre le Scuole Secondarie di Secondo Grado (Statali e Paritarie) dovranno alternare la didattica digitale a quella in presenza, per una quota non inferiore al 50%, in tutte le classi del ciclo, ad eccezione delle prime.

Questo ci consentirà – ha chiarito il governatore piemontese – di garantire la nostra priorità cioè di mantenere le scuole sempre aperte, evitando che ogni settimana 75.000 ragazzi si affollino sui mezzi di trasporto per recarsi a scuola, con un notevole rischio di contagio“.

L’ordinanza si riferisce dunque a ragazzi che hanno più di 14 anni e che, quindi, possono stare in casa anche da soli, senza creare disagio al lavoro dei genitori.

Lo stesso Cirio ha precisato che “le lezioni nelle scuole dell’infanzia, elementari, medie si svolgeranno invece sempre in presenza poiché si tratta di una forma educativa fondamentale e irrinunciabile e anche per chi frequenta il primo anno delle superiori verrà consentito di continuare ad apprendere con continuità il nuovo metodo di studio e di sviluppare il senso di appartenenza al gruppo tra compagni e con gli insegnanti. Se dovesse essere necessario proseguire anche più avanti nell’anno con questa modalità valuteremo una attenzione analoga anche per i ragazzi che si avvicinano alla maturità“.

Le scuole comunque potranno, in autonomia, individuare le misure che riterranno più idonee per l’organizzazione della didattica a distanza, tenuto conto dell’organico e del contesto.

Anche questa ordinanza sarà in vigore fino al 13 novembre, termine di vigenza del DPCM 18 ottobre 2020.

Preparazione concorso ordinario inglese