Home Politica scolastica Ddl scuola: le condivisioni prevalgono sulle perplessità

Ddl scuola: le condivisioni prevalgono sulle perplessità

CONDIVIDI
  • Credion

Tutto (o quasi) come previsto nella seduta della Commissione Cultura del Senato con cui è stato dato l’avvio all’esame del ddl scuola.
La senatrice Francesca Puglisi ha illustrato analiticamente il provvedimento, articolo dopo articolo.
Dopo di lei ha parlato il secondo relatore, Franco Conte dell’NCD che ha sottolineato come a suo parere “nel  mondo della scuola, i sentimenti di condivisione sul disegno di legge n. 1934 prevalgano sulle perplessità pure esistenti e suscettibili di essere superate attraverso le modifiche che il Senato potrà apportare”.
Una novità interessante è arrivata invece dal presidente Andrea Marcucci che ha reso noto di aver chiesto al Governo di trasmettere alla Coommissione “una nota ufficiale recante l’indicazione puntuale dei tempi tecnici necessari per garantire, entro l’inizio del prossimo anno scolastico, la completa attuazione del piano straordinario di assunzioni previsto dall’articolo 10 del disegno di legge”.
In tal modo sapremo finalmente se si è ancora in tempo per dare avvio all’anno 2015/2016 ricorrendo alle nuove regole o se una approvazione del provvedimento dopo il 15 giugno non consenta più di attivare assunzioni, organico funzionale e albi territoriale.
Va anche detto che lo stesso presidente ha comunicato che il termine per la presentazione degli emendamenti è stato spostato da lunedì 1° giugno ore 12 a lunedì ore 14.
I lavori riprenderanno mercoledì 3 giugno: in quella data si incomincerà a capire un po’ meglio quale potrà essere il futuro del disegno di legge, anche perchè a quel punto si conosceranno gli esiti della imminente tornata elettorale.