Home Politica scolastica De Filippo: no sanatorie per reclutamento. Orizzonte temporale certo per gli aspiranti...

De Filippo: no sanatorie per reclutamento. Orizzonte temporale certo per gli aspiranti prof

CONDIVIDI

Intervista al quotidiano Italia Oggi per il sottosegretario all’Istruzione, Vito De Flippo. Nel corso del colloquio con il giornale economico, l’esponente del governo Gentiloni ha parlato in particolar modo del nuovo sistema di reclutamento. 

Basta risposte tampone. Da un lato si affrontano i problemi strutturali, dall’altro si offrono prospettive ai più giovani. Infatti offriamo un orizzonte temporale certo ai giovani laureati che vogliono intraprendere questa professione. Con la Buona Scuola si sono gettate le basi per un grande cambiamento. Il nostro obiettivo è ridare dignità ad una professione centrale per il futuro degli studenti”.

Icotea

{loadposition carta-docente}

PRECARI“Grazie al piano assunzioni della Buona Scuola abbiamo praticamente azzerato le graduatorie della secondaria. In GaE abbiamo circa 5.900 docenti per il I grado, quasi 13mila per il I. Nella secondaria di I grado Italiano, Matematica e Tecnologia la graduatoria si esaurirà in poco tempo. Così come per Musica, Scienze Motorie, Arte, Inglese e Francese in almeno 3 regioni su 5. Nella secondaria di II grado esauriremo rapidamente Italiano e Latino, Chimica, Scienze Motorie, Matematica e Fisica. Voglio ricordare che insieme alle GaE continueranno ad essere assunti i vincitori di concorso per la copertura del turn over. Con la fase transitoria diamo invece una risposta a chi insegna anche da anni stando nelle graduatorie di istituto. Nella seconda fascia i docenti abilitati sono circa 62mila, nella terza 320mila, molti dei quali con pochi mesi di servizio.  Quelli interessati dalla fase transitoria saranno circa 20mila, dati più esatti si potranno avere solo quando si potrà verificare il requisito del servizio dei 36 mesi, al quale può concorrere anche il servizio delle paritarie. Sanatoria? No, per la seconda e terza fascia ci saranno percorsi differenziati. Al Sud ci saranno tempi più lunghi, ma attiveremo una task force per seguire tutto il processo”.

{loadposition facebook}