Home Attualità Decreto maggio: ipotesi rientro in classe superiori al 100% in zona gialla...

Decreto maggio: ipotesi rientro in classe superiori al 100% in zona gialla e arancione

CONDIVIDI

Scuole superiori in presenza al 100% a maggio in zona gialla e arancione, parallelamente alla riapertura di altre attività nel Paese: questa l’ipotesi del Governo, in vista del prossimo decreto maggio, secondo fonti Ansa.

Il nodo sulla scuola in zona rossa

In un precedente articolo avevamo ipotizzato che, date le dichiarazioni del Presidente Draghi sul garantire almeno un mese di scuola in presenza per tutti e data la mozione sulla riapertura della Commissione Cultura alla Camera, il ritorno in classe avrebbe potuto riguardare anche gli alunni di zona rossa. Ad ogni modo, la discussione è sul tavolo e altri tavoli di lavoro sono attivi presso le prefetture nelle varie città, per organizzare il Trasporto pubblico locale nei vari territori.

Icotea

Se fosse confermata l’ipotesi Ansa, del rientro in classe delle superiori al 100% ma solo in zona gialla e arancione, di fatto, rispetto al decreto scorso, il n. 44 dell’1 aprile 2021, la sola differenza sarebbe che quella quota di DaD per le superiori (tra il 25% e il 50%) sarebbe cancellata, prosciugandosi del tutto e riportando tutti i compagni di classe in presenza nello stesso momento. Ma stiamo parlando delle scuole di fascia gialla e arancione. Resta da capire cosa verrà disposto per le scuole di fascia rossa. Attualmente, lo ricordiamo, in zona rossa vanno in DaD al 100% gli alunni dalla seconda media in poi.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

In questo modo, se a maggio tutta l’Italia fosse gialla e arancione, nell’ultimo mese di scuola tornerebbero in presenza tutti gli 8,5 milioni di studenti italiani.

Il Decreto aprile

Al momento, secondo il Decreto 44 (valido fino al 30 aprile) 6,6 milioni di alunni frequentano in presenza, circa 2 milioni a distanza.

Il decreto, infatti, ha previsto nelle zone gialle e arancioni che le scuole d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado siano in presenza al 100%; che le scuole superiori frequentino in presenza con percentuali tra il 50 e il 75%; nelle zone rosse tutti in presenza fino alla prima media; mentre fanno scuola a distanza al 100% le classi seconde e terze medie e tutte le classi di scuola superiore.

LEGGI ANCHE