Home Politica scolastica Di Menna: siamo gli ultimi in Europa per spesa in istruzione

Di Menna: siamo gli ultimi in Europa per spesa in istruzione

CONDIVIDI

E’ importante che il Governo abbia evidenziato che la scuola è centrale per il Paese e che il lavoro degli insegnanti sarà determinante nel processo di sviluppo –  sottolinea il segretario della Uil Scuola, Massimo Di Menna.
La scuola e il lavoro che vi si svolge vanno sostenuti e valorizzati.

L’ipotesi di avviare su questi temi una consultazione ampia appare condivisibile ma – mette in guardia Di Menna – attenzione a non trasformare la giusta esigenza di condivisione in un dibattito permanente. Ne abbiamo avuto già esperienza ed il risultato è stato solo di stressare scuole e insegnanti.  Va invece predisposto un cronoprogramma preciso: con scadenze e adempimenti chiari e  concreti.

Se il Governo vuole rendere la scuola centrale – commenta Di Menna – non può eludere scelte difficili.
E’ la vera questione politica del Paese: togliere spese inutili, eliminare gli sprechi e liberare risorse per quella che è la priorità per il futuro del Paese.

ICOTEA_19_dentro articolo

Si tratta di riportare l’Italia – continua il segretario generale della Uil Scuola – ai livelli europei. Siamo penultimi (8%), dopo di noi solo la Romania (7,4%) per il volume di spesa in istruzione rispetto all’insieme della spesa pubblica totale. La media europea è del 9,7%. C’è una tabella Eurostat che sintetizza tale situazione che deve essere bussola per il Governo.

Le due emergenze da affrontare subito sono: le basse retribuzioni e il precariato.
Sulla prima non c’è altra strada: va rinnovato il contratto e definite le risorse già nella legge di Stabilità.
Per la seconda va predisposto un piano di immissioni in ruolo e l’organico funzionale per dare stabilità al personale e al sistema.