Home Attualità Didattica a distanza, un esempio per restare i punti di riferimento dei...

Didattica a distanza, un esempio per restare i punti di riferimento dei nostri alunni

CONDIVIDI
  • Credion

Ecco le attività di didattica a distanza che stanno organizzando all’Istituto Comprensivo Pascoli di Cento, in provincia di Ferrara.

Allo scopo, sottolinea la Collaboratrice vicaria della Dirigente, di rimanere costantemente vicini ai propri alunni e alle famiglie, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria.

Icotea

Come sottolinea la Dirigente dott.ssa Rosaria Calabria: “… è doveroso precisare che si tratta di governare una situazione di emergenza e che la relazione umana rimane alla base di qualsiasi rapporto di insegnamento-apprendimentoTuttavia in questo momento così complesso, è importante non far perdere ai nostri ragazzi il contatto con la scuola e fare sentire loro la nostra presenza, anche se virtuale, attraverso modalità “alternative” rispetto alla didattica ordinaria….”

I nostri studenti, mai come in questo momento, hanno bisogno di sapere che noi docenti pensiamo a loro e continuiamo ad essere punti di riferimento per ciascuno, nell’attesa, ci auguriamo breve, di poter riprendere a pieno ritmo tutte le attività reali che costituiscono il valore aggiunto della nostra scuola.

Tutti noi docenti dell’IC “G. Pascoli” pertanto, in questo periodo particolare,  siamo inviati ad attivare forme altre di comunicazione con i nostri allievi in modo da continuare il dialogo educativo a distanza.

Attraverso GS4E registro elettronico e Classroom stiamo condividendo con gli studenti materiali cartacei o lezioni in power point, video lezioni ad hoc predisposte o reperite.

La risposta degli studenti ci gratifica molto… Attraverso la restituzione dei compiti loro assegnati (possibile con la Classroom) ci indicano le loro difficoltà, ci comunicano le loro certezze e sentono il bisogno di “sentire la nostra voce”che commenta il loro prodotto. Molti docenti stanno sperimentando le video lezioni ad hoc per avviare nuovi argomenti e andare avanti con il programma di studio.

Sia alla scuola secondaria che alla scuola primaria a livello di istituto c’è stato un evidente aumento nell’uso della Classroom sia da parte dei docenti che degli studenti, come si evince dalla seguente tabella monitorata quotidianamente dall’animatore digitale Davide Bosi.

Alla scuola dell’infanzia le colleghe sono in contatto quotidiano con le famiglie e i bambini, attraverso videoriprese che hanno negli ambienti della scuola con l’intento di “restare insieme negli spazi della scuola”, anche se a distanza…. per recitare filastrocche, raccontare storie, vedere crescere gli insetti stecco che aspettano nelle loro teche gli sguardi attenti dei bambini.

Attraverso video leggono storie di avventura che siano, per citare Calvino, «una sottrazione di peso» alla paura “contagiosa” di questi giorni.

Ascoltare la voce narrante della propria maestra e sentirne la vicinanza aiuterà a mantenere stretti i legami. “I legami più profondi non sono fatti nè di corde nè di nodi eppure nessuno li scioglie” Lao Tze

 

 


Nei prossimi giorni verranno proposti altri webinar sul tema della didattica a distanza

Le esperienze di didattica a distanza raccontate dalla Tecnica della Scuola

Didattica a distanza, l’esperienza di due licei di Catania [INTERVISTA]
Didattica a distanza, l’esperienza di un istituto comprensivo di Modena
Didattica a distanza: manteniamo una relazione viva con gli studenti. Esperienza del “Tosi” di Busto Arsizio [VIDEO]
Didattica all’aria aperta contro il coronavirus
Didattica a distanza, l’esperienza di una scuola di Paternò (Catania)
Didattica a distanza, l’esperienza di un Comprensivo di Siracusa
Didattica a distanza, gli alunni riescono a seguirla? L’esperienza di una scuola toscana

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI