Home Precari Diplomati magistrale, utilizzo del posto ricoperto lo scorso anno

Diplomati magistrale, utilizzo del posto ricoperto lo scorso anno

CONDIVIDI

Abbiamo scritto in precedenza dell’incontro Miur-sindacati dello scorso 12 luglio in cui si è parlato di immissioni in ruolo.

Tuttavia, le organizzazioni sindacali e l’amministrazione si sono soffermati anche sulla questione diplomati magistrale, o meglio, sui diplomati magistrale assunti in ruolo con riserva che hanno partecipato al concorso straordinario infanzia e primaria e possono essere nominati per le assunzioni 2019.

Il problema sollevato dagli insegnanti è la continuità didattica, nel senso che se dovessero essere assunti in ruolo da graduatoria del concorso straordinario, tali insegnanti non ricoprirebbero più quel posto.

ICOTEA_19_dentro articolo

Immissioni in ruolo 2019: utilizzo dello stesso posto per i diplomati magistrale

Per questo motivo, è stato sottoscritto un accordo di integrazione del CCNI sulle “utilizzazioni e assegnazioni provvisorie” in cui si prevede che i docenti assunti in ruolo da concorso straordinario, entro pochi giorni da tale operazione, possano fare domanda di utilizzo, anche interprovinciale, per il posto ricoperto nell’a.s. 2018/19. Tutto ciò, allo scopo di preservare la continuità didattica.

Si tratta di un accordo di massima che potrebbe garantire la continuità didattica per i diplomati magistrale che partecipano al concorso straordinario e quindi potrebbero essere nominati in ruolo.

In Lombardia, il contratto decentrato sulle utilizzazioni ha seguito già una strada simile: i docenti in ruolo con clausola risolutoria, che hanno ricevuto però la sentenza negativa, e che quindi perderanno la cattedra a tempo indeterminato, potranno chiedere l’utilizzazione sullo stesso posto, qualora individuati nuovamente in ruolo dalla graduatoria del concorso straordinario infanzia e primaria.

Utilizzazioni e assegnazione provvisoria: domande fino al 20 luglio

Ricordiamo che le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria possono essere inviate entro il 20 di luglio.

Alla domanda di utilizzazione 2019/2020 va allegato:

– la dichiarazione dell’anzianità del servizio (Allegato D),

– la dichiarazione della continuità del servizio (Allegato F),concorso

– la dichiarazione delle esigenze di famiglia e dei titoli culturali ed eventualmente la dichiarazione della precedenza che si richiede.

Per quanto riguarda i docenti che possono fare richiesta della domanda di utilizzazione, sono prevalentemente coloro che si trovano in una classe di concorso in esubero provinciale, coloro che, avendone i requisiti, chiedono il rientro nella scuola in cui sono stati individuati soprannumerari, coloro che chiedono, possedendo il titolo di specializzazione, il posto di sostegno essendo titolari su posto comune, ma anche altri che abbiamo elencato in un precedente articolo.

LA NOTA DEL MIUR

IL TESTO DELL’IPOTESI DI CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 

 

LEGGI ANCHE

Utilizzazioni, ecco come compilare la domanda per i docenti soprannumerari [VIDEO]
Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, per gli ATA domanda cartacea. Il modello
Assegnazione provvisoria, al via le domande: c’è tempo fino al 20 luglio
Utilizzazioni 2019/2020, allegati da presentare e calcolo del punteggio
Assegnazione provvisoria, può essere richiesta anche per gravi esigenze di salute
Utilizzazione interprovinciale, solo se la classe di concorso di titolarità è in esubero provinciale [VIDEO]
Assegnazione provvisoria, ecco come fare domanda per i docenti FIT
Assegnazione provvisoria, limitazioni per chi non ha ottenuto conferma in ruolo
Assegnazione provvisoria, ecco quando non si può fare domanda
Assegnazione provvisoria, ecco come si calcola il punteggio
Assegnazione provvisoria, si possono chiedere anche altre classi di concorso [SCARICA PDF DEL CONTRATTO]
Assegnazione provvisoria in una sola provincia, ecco i codici esprimibili