Home Università e Afam Fedeli: il diritto allo studio non si difende con la violenza

Fedeli: il diritto allo studio non si difende con la violenza

CONDIVIDI
  • Credion

La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, intervenendo sugli scontri di Bologna, continuati anche ieri e a cui hanno preso parte un migliaio di studenti, ha dichiarato: “Quando c’è infrazione delle regole, quando si sfocia nell’illegalità, quando si fa ricorso alle intimidazioni o alla violenza, non si può parlare di difesa del diritto allo studio”.

 

{loadposition deleghe-107}

Icotea

 

Le proteste sono iniziate quattro giorni fa, per i “tornelli” installati agli ingressi della biblioteca per controllare gli accessi.