Home Politica scolastica Fioramonti: “Per cinque anni la maturità non si toccherà”

Fioramonti: “Per cinque anni la maturità non si toccherà”

CONDIVIDI

Dopo aver giurato al Quirinale, Lorenzo Fioramonti è ufficialmente il nuovo ministro dell’Istruzione.

Nelle scorse ore, alla Tecnica della Scuola, Fioramonti ha annunciato che si metterà subito a lavoro per affrontare le criticità del mondo della scuola.

In un’intervista a La Repubblica il titolare del dicastero di Viale Trastevere fa il punto anche su altre faccende: “L’insicurezza di troppi edifici, la carta igienica portata da casa, il costo dei libri. E le classi pollaio. In Italia si arriva a trenta alunni in aula, in Germania mai oltre ventuno. Credo nella scuola italiana, i suoi studenti sono ancora molto capaci e i suoi docenti eroi civili. Tutti i giorni sono chiamati a occuparsi di un sistema di una complessità intimorente. A volte non hanno la struttura adatta, sicuramente sono sottopagati. Maestri e professori devono tornare a essere persone riverite”.

ICOTEA_19_dentro articolo

I ragazzi italiani “stanno perdendo l’idea dello studio collettivo, della condivisione”, quindi “una didattica nuova, con più lingue e la storia non vista come una successione di guerre. La maturità? Per cinque anni non si tocca”.

Leggi anche

Con Fioramonti cambia la linea del M5S: decreto salva-precari da approvare subito, due miliardi o me ne vado

Il ministro Fioramonti si confronterà con i lettori della ‘Tecnica della Scuola’: voglio capire le vostre esigenze [AUDIO]

Fioramonti (M5S) vorrà assumere i precari e ridurre gli alunni per classe: il neoministro sa dove trovare i soldi

Lorenzo Fioramonti è il nuovo ministro dell’Istruzione. Il profilo