Home Politica scolastica Flc-Cgil: caro Renzi, il confronto va fatto sul merito e sul serio....

Flc-Cgil: caro Renzi, il confronto va fatto sul merito e sul serio. La mobilitazione continua

CONDIVIDI
  • Credion

“Se Renzi vuole aprire realmente il confronto con chi nella scuola vive, deve essere disponibile a cambiare radicalmente il disegno di legge. Il confronto lo chiediamo sul merito e sul serio, non con i tweet”. A dirlo è la Flc-Cgil, dopo le ultime dichiarazioni del presidente del Consiglio sul ddl di riforma.

“Deve essere chiaro a lui e al Governo che non ci accontentiamo di semplici aggiustamenti a un disegno di legge inaccettabile e autoritario che colpisce la dignità, i diritti e la libertà di docenti, Ata e studenti senza migliorare la qualità della scuola pubblica”.

Icotea

Il sindacato Confederale, inoltre, sostiene che “lo sciopero del 5 Maggio ha confermato che sul merito della brutta scuola non c’è consenso. Renzi se ne faccia una ragione, non servono le sue lezioni con lavagna e gessetti!”.

E ancora: “in questi giorni cresce e si allarga la mobilitazione e tutti i tentativi del Governo di dividere il fronte della protesta sono falliti.  Le proposte delle organizzazioni sindacali sono chiare e precise su precari, dirigenti scolastici, difesa della contrattazione e rinnovo del contratto nazionale”.

 

{loadposition eb-progetti}

 

Poi la conferma dello stato di mobilitazione: “in assenza di risposte concrete le lotte continueranno a partire dai presìdi a Montecitorio e in tutta Italia del 18, 19 e 20 maggio. Non escludiamo nulla compresi ulteriori scioperi e non ci faremo intimidire da nessuno. Discuteremo con il personale della scuola, con gli studenti e le famiglie dell’andamento del confronto e su come proseguire le lotte, ricercando sempre il massimo consenso.  La nostra gente – conclude la Flc-Cgil – ci chiede unità, ma anche coerenza, non molliamo perché sono in gioco la scuola della Costituzione e la democrazia”.

Per la Flc-Cgil, quindi, rimane quindi in piedi anche l’idea di aderire al blocco degli scrutini. Creando, in tal caso, una bella grana per il Governo e per il Parlamento chiamato ad approvare la riforma proprio in quei giorni di fine anno scolastico.

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola