Home Università e Afam Fuggono medici ma rientrano avvocati

Fuggono medici ma rientrano avvocati

CONDIVIDI
  • Credion

Secondo l’Anvur hanno abbandonato l’Italia per cercare fortuna all’estero, e soprattutto in Svizzera e Regno Unito, medici, infermieri e architetti. Percorso inverso hanno compiuto avvocati e odontoiatri.

Medici in fuga

Dai dati, riportati dal Sole 24 Ore, emerge che tra il 2010 e il 2016 sono 7.591 i laureati italiani in medicina che sono emigrati, seguiti da 5.334 infermieri, 1.010 odontoiatri, 973 docenti di scuola secondaria e 710 farmacisti. “Infermieri (3.303) e odontoiatri (2.143) che occupano anche le prime due piazze della classifica delle immigrazioni. Alle loro spalle si piazzano gli avvocati che hanno però la meglio nel saldo (+ 1.808) tra entrate e uscite delle professioni”.

Icotea

Avvocati in arrivo dalla Spagna

Un dato singolare riguarda gli italiani che, dopo aver preso la laurea in Italia, sono diventati avvocati in Spagna per ritornare quindi a esercitare la professione in Patria.

“In terra spagnola- precisa Il Sole 24 Ore- è sufficiente frequentare un master (anche online) e superare un quiz a risposta multipla per prendere il titolo senza tutta la trafila italiana di prove scritte e orali per l’esame di avvocato”.

Per quanto riguarda le professioni mediche e infermieristiche, le destinazioni sono state il Regno Unito e la Svizzera dove migliori sarebbero le opportunità di lavoro e gli stipendi