Home Università e Afam I fuoricorso devono rifare il test d’ingresso

I fuoricorso devono rifare il test d’ingresso

CONDIVIDI

Se in due anni non riusciranno a fare tutti gli esami previsti per il primo anno, quello da matricola, i fuoricorso dovranno rifare il test d’ingresso. Pure se lo avevano già passato la prima volta. E se la seconda non riuscissero a superare lo scoglio della prova di ammissione, niente da fare.

 Il Politecnico di Torino, scrive l’Ansa, non vuole sentire ragioni e chi impiegherà il doppio del tempo a raggiungere la laurea dovrà iscriversi a un altro corso di laurea. Ovviamente dovrà sceglierne uno che gli riconosca gli esami fatti fino a quel momento.

Icotea

“Non è affatto punitivo -dice l’università-  piuttosto vogliamo spingere gli studenti a tenere un ritmo normale”, anche perché il popolo dei fuoricorso aumenta, tanto che a oggi in Italia ne possiamo contare 700mila, e le università ne risentono: quelle che ne hanno troppi non possono prendere i fondi pubblici.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Gli iscritti del Politecnico di Torino però contestano la nuova norma che prevede il doppio test d’ingresso per i fuori corso e che è stata approvata nel regolamento degli studenti: “I fuoricorso non sono una zavorra da combattere – dicono i ragazzi – ma studenti in difficoltà da aiutare, con esami ad hoc, più formazione e tutoraggio individuale. Se il test ha la valenza di un concorso di ammissione, è insensato imporre a uno studente di ripetere nuovamente la stessa prova”.