Home Attualità “I social network fanno parlare legioni di imbecilli: li salvi la scuola”

“I social network fanno parlare legioni di imbecilli: li salvi la scuola”

CONDIVIDI
  • Credion

“I social network danno diritto di parola a legioni di imbecilli”. Sono parole forti quella pronunciate Da Umberto Eco, semiologo, filosofo e scrittore. Il personaggio, tra i più conosciuti a livello internazionale, stava parlando del ruolo del web, all’Università di Torino, nel corso della cerimonia in cui è stato insignito della Laurea Honoris Causa in Comunicazione e cultura dei media.

Durante l’intervento, la frase dello studioso alessandrino che non t’aspetti: “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo qualche bicchiere di vino”, ha detto Eco. Che poi ha articolato il discorso: “era stata la Tv anni fa ad aver promosso lo scemo del villaggio, rispetto a cui lo spettatore si sentiva superiore. Oggi Internet promuove lo scemo del villaggio a detentore della verità”.

Icotea

E ancora, rincarando il concetto: “Di solito al bar l’imbecille veniva subito messo a tacere, ora hanno lo stesso diritto di parola di un premio Nobel”.

Eco, che proprio 61 anni fa si era laureato a Torino in Lettere e Filosofia, internet è un gran calderone di “bufale”, che ci impone sempre di più l’esercizio di capacità critica e “filtraggio”. Una capacità che deve essere insegnata a scuola per far apprendere ai giovani come filtrare le mille informazioni che vengono dai siti, ha concluso il semiologo. Le polemiche per le sue parole, però, sono appena all’inizio.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola