Home Politica scolastica Il rimpianto di Fioramonti: sulla scuola dovevamo scommettere tutto, la preside Salacone...

Il rimpianto di Fioramonti: sulla scuola dovevamo scommettere tutto, la preside Salacone aveva ragione

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Chi segue le vicende della Scuola sa chi è stata Simonetta Salacone, la combattiva dirigente scolastica dell’Iqbal Masih di Roma, sostenitrice di mille battaglie in difesa in difesa degli alunni e degli insegnanti, con le scuole da lei dirette trasformate in veri punti di riferimento per il territorio, sempre aperti, inclusivi e prodighi di progetti. A distanza di tre anni dalla scomparsa, il Movimento POP ha organizzato un incontro, nel V municipio della capitale, alla presenza di 200 persone.

Fioramonti: mi aspettavo maggior sostegno politico

All’evento non poteva mancare l’ex ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti (oggi nel gruppo Misto), paladino della scuola al centro della società, imperniata su valori ecosostenibili.

“Che Paese è quel Paese che lascia le scuole da sole? – ha detto Fioramonti -: se non ripartiamo dall’istruzione non ripartiremo affatto. Una scuola può tutto, ma noi dobbiamo anche tutto alla scuola. Siamo quel che siamo in buona misura grazie a questa istituzione che come diceva Calamandrei è il luogo più importante di tutti, ancora più del Parlamento, della Magistratura e della Corte Costituzionale”.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Tornando sul motivo delle dimissioni natalizie, Fioramonti preferisce non indicare solo il M5S tra i partiti “alleati” che lo hanno deluso: “Mi aspettavo – ha sottolineato l’ex ministro – un maggior sostegno dalle forze politiche, partendo dal presupposto che sulla scuola questa volta avremmo dovuto scommettere tutto”.

La scuola: il centrosinistra ha commesso grandi errori

“Serve coraggio per guardare in volto la verità – ha detto la consigliera regionale del Lazio Marta Bonafoni (Lz)  -: per questo la prima iniziativa di POP, abbiamo deciso di farla sulla scuola, un tema su cui il centrosinistra in passato ha commesso grandi errori e su cui ora è necessario uno sforzo maggiore in termini di investimento e di discontinuità”.

“Non è sufficiente anteporre l’aggettivo ‘buona’ alla parola scuola per riformare il sistema scolastico italiano. Lavoreremo per affermare un altro tipo di scuola: aperta, laica e che non si arrende. Senz’altro la Iqbal Masih oggi Istituto comprensivo Simonetta Salacone è il nostro modello”.

Tra gli intervenuti all’incontro, Luca Mascini della band Assalti Frontali e autore della canzone ‘Simonetta’, il consigliere municipale Stefano Veglianti, la figlia di Simonetta Salacone Elena Pautasso.

Preparazione concorso ordinario inglese