Home Politica scolastica La riforma è inapplicabile e resterà inattuata

La riforma è inapplicabile e resterà inattuata

CONDIVIDI

Giunge a tal proposito una dichiarazione del segretario generale UIL, Carmelo Barbagallo, che sottolinea come, per un’istituzione importante come la scuola, qualunque cambiamento avrebbe dovuto essere condiviso: “Ancora una volta, il Presidente del Consiglio ha voluto fare da solo e ha usato l’arma della fiducia per far passare la sua riforma della scuola. Così facendo, non ha accettato l’aiuto degli insegnanti, del personale Ata, delle famiglie, degli studenti né, tantomeno, degli esperti dei sindacati di categoria. Eppure il Premier aveva detto che avrebbe voluto parlare con tutti: è riuscito a smentire se stesso.”

A poco vale il contentino delle assunzioni, che faranno parte del “pacchetto intero”: “Certo, ci saranno le assunzioni che abbiamo chiesto a gran voce, ma quando? come? e, soprattutto, a che prezzo? Ora utilizzerà proprio le assunzioni come foglia di fico per coprire le vergogne di una riforma sgangherata di cui nessuno sentiva la necessità e della quale non c’era alcun bisogno per dare stabilità ai precari, anch’essi, peraltro, preoccupati di restarne succubi.”

Icotea

Tutto ciò senza contare che questo provvedimento, in alcune sue norme, di fatto, dà un’ennesima picconata ai diritti contrattuali, a danno di tutti i lavoratori del settore, proprio mentre la Consulta ha sentenziato il principio dell’illegittimità del blocco contrattuale. Il Governo deve aprire immediatamente il tavolo delle trattative per il rinnovo dei contratti: in quella sede rivendicheremo anche il ripristino di quei diritti. Questa riforma, dunque, è inapplicabile e resterà inattuata. È rimandata a settembre, e allora si faranno i conti”

Questa riforma è inapplicabile e resterà inattuata? Certo è che, dopo tante roboanti dichiarazioni di consultazione popolare, la piazza è stata ignorata e il palazzo ha deciso da solo…