Home Politica scolastica Le assunzioni dei prossimi tre anni? Saranno quasi 100mila

Le assunzioni dei prossimi tre anni? Saranno quasi 100mila

CONDIVIDI

Le assunzioni del prossimo triennio non si limiteranno ai 63.712 vincitori del concorso, ma riguarderanno anche 30mila precari delle GaE.

A dirlo, è stato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a colloquio con Repubblica.

Icotea

Questa è stata la domanda posta dal cronista. Ci sono 15 mila docenti dell’infanzia nelle graduatorie di prima fascia e 1.720 idonei dopo il concorso 2012 che non avete preso in considerazione con la Buona Scuola: devono fare il concorso anche loro per essere assunti? Risposta del ministro: “il concorso è una possibilità per tutti, da prendere al volo. Diciamo che, a fianco dei 63mila vincitori, assumeremo altri 30 mila docenti attraverso le graduatorie Gae. Lì dentro ci saranno maestre e maestri d’infanzia”.

Ricordiamo che, dichiarazioni di Giannini a parte, a rassicurare i docenti abilitati precari inseriti nelle GaE è soprattutto il comma 109, punto c, della Legge 107/2015: “per l’assunzione del personale docente ed educativo, continua ad applicarsi l’articolo 399, comma 1, del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, fino a totale scorrimento delle relative graduatorie ad esaurimento”, recita la norma. E siccome coloro che sono rimasti nelle GaE sono forse il doppio dei 30mila indicati dal ministro Giannini, significa che anche nel 2020 continueremo ad avere dei docenti precari storici ancora a rivendicare l’immissione in ruolo.

 

{loadposition bonus_1}

 

Nel corso dell’intervista Giannini ha parlato anche dell’imminente approvazione delle classi di concorso. “Il 15 gennaio entra in Consiglio dei ministri il decreto. A inizio febbraio il bando sarà nero su bianco”. Il ministro della Pubblica istruzione Stefania Giannini parla a Repubblica del concorso per assumere 63.712 docenti in tre anni.

Il bando doveva essere pubblico l’uno dicembre 2015. “A fine marzo prova scritta, a giugno gli orali. A settembre i vincitori in cattedra”.

Il commento si è quindi spostato sul prossimo concorsone: “porteremo giovani docenti nelle classi elementari, medie e superiori. Ipotizziamo duecentomila candidati. Uno su tre sarà insegnante a tempo indeterminato”, ha concluso il ministro.

 

{loadposition facebook}