Home Archivio storico 1998-2013 Estero Le regole dell’integrazione europea in materia di trasporto

Le regole dell’integrazione europea in materia di trasporto

CONDIVIDI
  • GUERINI


Il valore di tale attività didattica è di 60 crediti Cfu.

Il Master di Diritto dell’Unione Europa sulle regole dell’integrazione europea in materia di trasporto è un corso post-universitario, finalizzato all’approfondimento delle conoscenze teorico-pratiche delle tematiche relative ai trasporti al fine di integrare profili professionali altamente qualificati con concrete opportunità di inserimento degli stessi nel settore di strutture pubbliche e private dei trasporti.

In una prima fase potranno essere ammessi al Master anche i laureati (preferibilmente in Giurisprudenza, Scienze Politiche ed Economia), sulla base degli ordinamenti didattici previgenti all’entrata in vigore degli ordinamenti didattici dei corsi di laurea e di laurea specialistica ex Decreto Murst n.509/1999.

Il Corso si articola in due parti:

• la parte generale prende in considerazione le tematiche propedeutiche dell’esperienza dell’integrazione europea privilegiando particolarmente i profili relativi alla ripartizione delle competenze tra Unione Europea e Stati membri ed alla risoluzione dei conflitti in un quadro che tende a valorizzare le prospettive di integrazione degli ordinamenti;

• la parte centrale del corso riguarda la regolamentazione dei trasporti nell’ordinamento comunitario ed in tale contesto saranno prese in considerazione tutte le problematiche di ordine materiale (concorrenza, libero accesso al mercato ecc.).


In questa seconda fase del corso il contributo tecnico/economico sarà decisivo, particolarmente per quanto concerne le tematiche degli aiuti, delle concentrazioni, dell’uso delle infrastrutture.

Il Master, che ha la durata di un anno accademico, si svolgerà nell’ambito dell’a.a. 2004/2005 a partire da gennaio 2005.

I primi sei mesi saranno dedicati alla parte teorico-seminariale, mentre due mesi saranno svolti presso aziende, enti ed istituzioni del settore dei trasporti.

La frequenza è obbligatoria: ciò implica la partecipazione ad almeno 720 ore di attività tra lezioni e stage.

E’ previsto un numero massimo di 30 iscritti e un numero minimo di 15.

L’ammissione al corso avverrà tramite una selezione, effettuata in base ai titoli presentati dai candidati e ad un colloquio teso ad accertare le conoscenza in materia di Diritto comunitario e il livello di competenza della lingua inglese.
La domanda di iscrizione deve essere presentata entro il 15 dicembre 2004 presso la Ripartizione Didattica, Sezione Servizi agli Studenti e ai Laureati, via Mantica 3 – 33100 Udine.