Home Politica scolastica Le Rsu: ci trattano come una Onlus, il ddl è un ‘treno’...

Le Rsu: ci trattano come una Onlus, il ddl è un ‘treno’ che va fermato. Stop il 12 maggio?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

 

Hanno preso la parola diverse Rsu, nel corso del convegno-incontro organizzato, presso l’Itis Galileo Galilei di Roma, da Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda, in vista dalla manifestazione del 18 aprile a Roma.

Cinzia Grieco, Rsu dell’Itis Galilei, ha ricordato l’importanza di inviare un segnale deciso contro i provvedimenti che vorrebbe adottare il Governo.

ICOTEA_19_dentro articolo

Altre Rsu hanno rilevato che lo ‘sciopero bianco’ di poche ore è quasi insignificante: le sforbiciate ulteriori previste dal Mef si andranno a riflettere sul fondo di istituto, quindi si sta andando verso le prestazioni di lavoro gratuite.

Roberto Tomei, docente Rsu di un istituto comprensivo capitoini, ha ricordato che i governi vanno sensibilizzati: c’è la tendenza di addormentare la base della categoria, attraverso iniziative e segnali forniti dal ‘piccolo’. Per far sapere che gli insegnanti non sono missionari, altrimenti avrebbero intrapreso la carriera monastica. Perchè il ministro Giannini, anziché recarsi a Parta a Porta, non va du mesi nelle scuole, dove i docenti sono costretti ad accompagnare gli alunni al bagno, perchè manca l’assistenza di base, rischiando pure le denunce da parte dei genitori?

 

{loadposition libro-bes}

 

I rappresentati del lavoratori, scaturiti dal rinnovo delle Rsu svolto ad inizio marzo, si sono quindi soffermati sul personale Ata dimenticato, sui docenti di sostegno assegnati col contagocce e sulla scarsità di risorse a disposizione per le attività ordinarie.

Particolare fastidio a tutta la categoria è quella parte del documento ‘La Buona Scuola’ che dà ai dirigenti scolastici “il potere assoluto”. Ormai la scuola è considerata come una Onlus, dove si fa volontariato: il ddl è un ‘treno’ che bisogna fermare.

La maggior parte delle Rsu sarebbero orientate allo sciopero generale per il prossimo 12 maggio, perchè occorre tornare ad investire nella scuola e nel diritto del lavoro: “lo hanno proclamato i sindacati di base e l’Anief il prossimo 24 aprile, sarebbe stato utile aderire tutti – ha spiegato una Rsu – e ora tocca a tutti gli altri sindacati”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

 

 

Preparazione concorso ordinario inglese