Home I lettori ci scrivono Le sigle sindacali parlino ora o tacciano per sempre!!

Le sigle sindacali parlino ora o tacciano per sempre!!

CONDIVIDI
  • Credion

“Con la complicità dei sindacati che hanno convogliato la nostra rabbia, se ne sono impadroniti, dando vita ad uno sciopero che non ha avuto nessun effetto, perché concordato con il Governo”, così ha scritto la prof.ssa Maria Costa su un profilo facebook. E aggiunge: “Adesso Governo e sindacati si discreditano a vicenda, ma nessuno dei due potrebbe sopravvivere senza l’altro. I sindacati si dicono pronti a lottare. Quando? Come? Tutte parole e proclami, e intanto il Governo procede a tamburo battente, così sicuro di non avere nessuna opposizione, da permettersi di mentire, di denigrare spudoratamente”.

Il DdL “buona scuola” e l’ostinazione del Governo ad approvarlo in tempi strettissimi hanno creato una situazione sindacale esplosiva e la reazione spontanea della categoria dei docenti (v. flash mob dei “lumini” del 24 aprile e vari appelli “non voto Pd”).

Icotea

Situazione che ha spiazzato i sindacati “rappresentativi” (secondo le norme Miur) e li ha spinti, quasi costretti, ad aggiungersi allo sciopero del 5 maggio, sciopero che però è riuscito anche per la loro partecipazione.

Ora però le cinque sigle sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda) sembrano incerte e smarrite sul da farsi, emettono solo comunicati stampa che promettono e minacciano ma per il futuro.

Va sottolineato che Governo Renzi (con il Pd al guinzaglio) sta perseguendo almeno due obiettivi strategici: 1) mandare in malora la scuola, con il pretesto di riformarla e 2) emarginare definitivamente i sindacati sopra indicati (anzi proprio tutti i sindacati).

Perciò le varie sigle sindacali dovrebbero rapidamente realizzare che è indispensabile e vitale una decisa azione unitaria sia fra di loro stesse che fra loro e gli insegnanti e gli Ata, che non servono distinguo, protagonismi, prime donne, e poi agire di conseguenza.

Oggi stesso, subito dopo l’incontro di falsa e strumentale cortesia a palazzo Chigi (senza Renzi, guarda un po’!), le sigle sindacali devono decidere e dire cosa intendono fare!!

Oppure tacciano per sempre!!