Home Attualità Lingua inclusiva e schwa. Cristina Comencini: sì alle differenze e al rispetto

Lingua inclusiva e schwa. Cristina Comencini: sì alle differenze e al rispetto

CONDIVIDI
  • Credion

Sul dibattito nato attorno all’asterisco e allo schwa è intervenuta anche la regista, sceneggiatrice e scrittrice Cristina Comencini, su Repubblica, dicendo no agli approcci culturali non inclusivi e poco rispettosi di tutte le differenze; e in particolare sullo schwa ha dichiarato: “Io sono per le differenze: cancellarle significa cancellare la storia, cancellare chi siamo. Io sono per le differenze e per il rispetto”. 

Su questi argomenti il sondaggio della Tecnica della Scuola

Sì o no all’uso dell’asterisco (*) o dello schwa (ə) come desinenza nelle comunicazioni scritte a scuola? La Tecnica della scuola chiede ai propri lettori il loro punto di vista sull’argomento, in base anche ai nuovi regolamenti adottati da alcune scuole.

Icotea

PARTECIPA AL SONDAGGIO

Ma che cos’è esattamente lo schwa? Ricordiamolo. Lo schwa è il simbolo della e capovolta che, come l’asterisco, vorrebbe assolvere al compito di rendere più inclusiva la lingua, laddove essa riuscisse a permettere a tutti gli individui (agli uomini, alle donne e a chi non si ritrova in nessuno dei due generi) di riconoscersi in una desinenza linguistica. 

Un’esigenza sempre più pressante, specie tra i ragazzi della cosiddetta generazione zeta (gli Zoomer, i nati tra la fine degli anni ’90 e la fine degli anni 2000), gli studenti delle nostre scuole, insomma, che chiedono più inclusività anche sul fronte linguistico, come si evince dalla vicenda della scuola Cavour di Torino, che usa l’asterisco nelle comunicazioni ufficiali: un’iniziativa nata su spinta degli alunni ma che ha trovato l’accordo degli organi collegiali della scuola. 

Anche l’Accademia della Crusca si è espressa su questo tema, sottolineando che “quando si cambia qualcosa in una lingua ci si deve innanzitutto chiedere se quel cambiamento funziona per assolvere allo scopo che un sistema linguistico deve compiere, cioè la comunicazione”.

SEGUI LA DIRETTA

Un argomento di cui discuteremo anche nella diretta della Tecnica della Scuola Live, insieme a Cecilia Robustelli, ordinaria di Linguistica Italiana presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e collaboratrice dell’Accademia della Crusca; e Laura Boldrini, presidente del comitato della Camera sui diritti umani nel mondo e già presidente della Camera, nonché autrice del volume Questo non è normale.

Cosa troverai nel sondaggio

Qual è il tuo ruolo?

  • Docente
  • Studente
  • Altro

Qual è il grado di scuola in cui sei coinvolto?

  • Scuola dell’Infanzia
  • Scuola I Ciclo (Primaria e Medie)
  • Scuola Secondaria Superiore
  • Nessuno dei precedenti

In quale area d’Italia svolgi il tuo ruolo?

  • Nord
  • Sud
  • Centro
  • Isole

Lingua inclusiva a scuola: sei d’accordo sull’uso dell’asterisco (*) o dello schwa (ə) nelle comunicazioni scritte? Es: student* o studentə 

  • No
  • Non so