Home Politica scolastica M5S: melina Pd su servizi essenziali è inaccettabile

M5S: melina Pd su servizi essenziali è inaccettabile

CONDIVIDI

I parlamentari del M5S in commissione Cultura di Camera e Senato intervengono in merito ai livelli essenziali di prestazioni nell’ambito dell’istruzione e dei servizi sociali annessi.

“Se il Pd e la maggioranza non hanno intenzione di affrontare la nostra risoluzione sui servizi essenziali per consentire il diritto all’istruzione lo dica chiaro e tondo, perché il ricorso a scuse e alla melina per annacquare la discussione non lo accettiamo. Siamo disponibili a tutti gli approfondimenti del caso su questo tema fondamentale, ma a monte ci deve essere la volontà politica di trovare soluzioni che consentano una maggiore omogeneità a livello nazionali di servizi quali mense, trasporto, assistenza agli studenti con disabilità, asili nido”.
“Dopo la sospensione della discussione avvenuta il 4 agosto scorso, continuano i pentastellati, ieri è ripresa in commissione alla Camera la discussione del provvedimento e subito, dalle file del Pd hanno fatto emergere perplessità derivanti dalla complessità della materia, chiamando in causa la commissione affari costituzionali, quella bicamerale per l’attuazione del federalismo e mettendo persino in dubbio l’assegnazione dell’atto alla commissione Cultura. Le osservazioni non possono essere il pretesto per non affrontare la questione, che invece richiede risposte tempestive”.

Icotea

“Da parte nostra – conclude la parlamentare Maria Marzana – abbiamo replicato dando piena disponibilità a un approfondimento sul merito, fatta salva la necessità di garantire, anche con l’intervento dello Stato, livelli essenziali minimi di prestazioni legate al diritto all’istruzione, in modo omogeneo, su tutto il territorio nazionale. Un principio sancito dalla nostra Costituzione ma disatteso nei fatti, dal momento che gli squilibri  territoriali sono molto forti. Uno ‘sbilanciamento’di cui è responsabile anche questo Governo, con le sue politiche di tagli agli enti locali”.