Home Università e Afam Meglio della laurea un’esperienza all’estero

Meglio della laurea un’esperienza all’estero

CONDIVIDI

Laurearsi con 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, meglio farlo a 21 ma con un 97. Così, come è noto, la pensa il ministro del lavoro Poletti, benchè, checché se ne dica, una laurea conquistata con ottimi voti porta comunque al successo lavorativo, come sembrano dimostrare i dati Almalaurea, secondo cui, indipendentemente dall’età, il tasso di disoccupazione si dimezza se si possiede un titolo di studio elevato.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

ICOTEA_19_dentro articolo

Ma al di là delle dichiarazioni di Poletti, che non si è mai laureato, l’Italia è ancora ultima per quota di laureati, su 100 giovani tra i 24 e i 34 anni i laureati costituiscono il 22% (la media europea a 21 Paesi è del 37%, quella Ocse del 39%), e dove il 28% dei manager ha completato al massimo la scuola dell’obbligo.

In realtà, spulciando i dati, precisa Il Sole 24 Ore, ci si rende conto che l’età media dei nostri laureati è 26,4 anni, che scende a 25,3 per i laureati di primo livello e sale a 26,9 per i magistrali a ciclo unico e 27,7 per i magistrati biennali: ma il motivo, come riferisce Almalaurea, è che la maggior parte degli studenti si iscrive almeno con due anni di ritardo rispetto all’età canonica. Così su cento laureati, solo 45 finiscono l’università in corso: il 25% la finisce dopo un anno, l’11,4% dopo due, e così via, fino all’8,6% che la termina addirittura dopo 5 anni e oltre. E neanche nei voti i nostri brillano: 102, 2 il voto medio, che scende a 99,4 per il primo livello e sale per le materie letterarie (106,7).