Home Estero Minacce bomba contro scuole ebraiche in Usa

Minacce bomba contro scuole ebraiche in Usa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Secondo quanto riporta l’Huffington Post sono 16 i centri ebraici che hanno ricevuto telefonate minatorie, in 12 stati diversi: Alabama, North Carolina, New York, Connecticut, New Jersey, Indiana, Pennsylvania, Florida, Maryland, Michigan, Virginia e Delaware. In alcuni casi le minacce hanno provocato l’evacuazione degli edifici.

La nuova ondata, la quinta dall’inizio dell’anno, di telefonate minatorie contro centri e scuole ebraiche è arrivata dopo che durante il weekend sono state profanate decine di tombe nel cimitero ebraico di Filadelfia. La scorsa settimana i vandali avevano attaccato il cimitero ebraico di St.Louis, in Missouri.

Secondo le stime del sito americano, dall’inizio dell’anno si sono registrate oltre 160 telefonate minatorie contro oltre 60 centri ebraici che, come ha sottolineato Jonathan Greenblatt, direttore della Anti-Defamation League, spesso ospitano “asili, centri anziani e doposcuola per i ragazzi”.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition deleghe-107}

 

Secondo quanto riporta il Washington Post, la polizia è intervenuta in due scuole ebraiche oggi in Maryland e Virginia interrompendo le lezioni. In entrambi gli istituti le telefonate minatorie sono arrivate, verso le nove, da un sistema di chiamate automatico. Il rabbino Mitchell Malkus, presidente della Charles E. Smith Jewish Day School di Rockville, ha dichiarato che “eravamo ben preparati, considerato quello che sta succedendo del Paese”, riferendosi alle decine di minacce e telefonate minatorie che stanno arrivando da gennaio alle istituzioni ebraiche.

L’obiettivo di questa azione, ha sottolineato ancora Malkus, è “di fare salire la tensione e la preoccupazione all’interno della comunità e sfortunatamente è quello che succede di fronte a questo tipo di minacce”. 

Preparazione concorso ordinario inglese