Home I lettori ci scrivono Ministra Fedeli, ci autodenunciamo anche noi!

Ministra Fedeli, ci autodenunciamo anche noi!

CONDIVIDI

Esprimiamo sorpresa e indignazione per quanto espresso dalla ministra Fedeli, che avrebbe definito “non degni di educare i prof che parlano di docenti deportati e presidi sceriffo”.

Non è chiaro se si tratti di una provocazione o di una intimidazione, che rispediamo al mittente, ricordando alla ministra come lei e i suoi predecessori non abbiano mai espresso uguale sconcerto per la ingiusta campagna denigratoria nei confronti dei docenti in atto ormai da troppi anni.

Icotea

 A proposito dei ‘presidi-sceriffo’, invitiamo la ministra a informarsi sulla vicenda slides Anp e di come siano nate le polemiche e il suddetto termine (stiamo ancora aspettando una presa di posizione di questo ministero, sin dall’epoca Giannini).

Inoltre, rammentiamo  il significato del termine “deportato” (da ‘deportazione’ “trasferimento, imposto legalmente o di fatto, di gruppi o di popolazioni da un territorio a un altro”. Dizionario di Italiano, Garzanti).

 Aggiungiamo che la dignità di un insegnante si misura con altri parametri e  che il linguaggio scelto è importante soprattutto quando è usato da un ministro.

Concludiamo dichiarando, come il collega Luca Cangemi, che noi PSP continueremo ad usare i termini
suddetti quando lo riterremo opportuno e necessario.