Home Archivio storico 1998-2013 Generico Monitoraggi nazionali dei percorsi di alternanza scuola-lavoro

Monitoraggi nazionali dei percorsi di alternanza scuola-lavoro

CONDIVIDI
  • Credion
Sono online sul sito dell’Indire gli esiti provvisori dei monitoraggi nazionali, realizzati dall’Indire, per conto del MIUR, relativi ai percorsi di alternanza scuola lavoro realizzati dagli istituti secondari di II grado e ai percorsi di alternanza scuola lavoro nelle classi IV e V degli istituti professionali (ex terza area) per l’annualità 2012/13, e degli sbocchi occupazionali per l’a.s. 2011/12.
Dai dati rilevati emerge che nell’a.s. 2012/13, il 45,6% delle scuole secondarie di secondo grado (3.177 su 6.972) ha utilizzato l’alternanza come metodologia didattica per sviluppare le competenze previste dall’ordinamento degli studi. Di questi istituti, il 44,4% sono professionali, il 34,2% tecnici, il 20% licei, 1,5% altri istituti.
I percorsi realizzati sono 11.600, di cui 7.783 (67,1%) nei professionali, 2.556 (22%) nei tecnici, 903 (7,8%) nei licei e 86 (lo 0,7%) in altri istituti.
In totale gli studenti coinvolti sono stati 227.886 studenti, pari all’8,7% della popolazione scolastica della scuola secondaria di secondo grado. Nei percorsi sono state coinvolte 77.991 strutture, di cui il 58,2% (45.365) sono imprese.
Rispetto agli anni passati, si assiste ad un incremento delle esperienze avviate, sia per quanto concerne gli istituti coinvolti (+34,3%), sia per la partecipazione degli studenti (+ 20,3%) sia ancora per i percorsi realizzati (+ 18,5%) e per le strutture ospitanti (+ 19,2%).
Dagli esiti del monitoraggio è possibile anche ricavare informazioni circa gli sbocchi occupazionali derivanti dai percorsi realizzati.
Questo è il trend che emerge nel giro di 3 anni scolastici: nell’anno scolastico 2009/10, gli studenti diplomati risultano essere 5.3432. Di questi il 26,3% ha trovato lavoro e il 25,3% ha frequentato l’Università. Il 2,3% ha scelto di frequentare uno stage o tirocinio non retribuito, l’1% un corso formativo, mentre sono relativamente basse le percentuali di ex studenti disoccupati (4,8%) e inoccupati (4%).
Nell’anno scolastico 2010/11, gli studenti diplomati risultano essere 6.6593. Rispetto all’anno scolastico precedente, quelli che hanno trovato un lavoro risultano in calo del 3%, mentre aumentano gli studenti che, dopo aver conseguito il diploma, hanno scelto di frequentare un corso universitario (38,8%). Aumentano i disoccupati (5,7%) e gli inoccupati (5,6%).
Infine, nell’anno scolastico 2011/12, gli studenti diplomati sono 8.8634.Aumentano dell’11,5% i lavoratori e del 37,5% gli studenti che scelgono di frequentare un corso universitario. In aumento purtroppo anche il numero di inoccupati (+ 112,2%), mentre quello dei disoccupati è aumentato del 141,3%.