Home Estero Negato il rilascio dei docenti turchi in sciopero della fame

Negato il rilascio dei docenti turchi in sciopero della fame

CONDIVIDI

La presenza nella prigione di un ospedale garantisce ai due prof turchi in sciopero della fame le cure necessarie.

E con questa motivazione la Corte costituzionale turca ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai legali di Nuriye Gulmen e Semih Ozakca, i due docenti epurati e arrestati dopo il fallito golpe, che con il loro sciopero della fame, giunto al 112°  giorno, sono diventati il simbolo della protesta contro le purghe di Recep Tayyip Erdogan.

Icotea

Secondo i giudici della Turchia dunque il fatto che nel penitenziario ci sia un ospedale è garanzia sufficiente per riceve le cure necessarie a non far precipitare le loro condizioni di salute. Le agenzie riportando questa ennesima notizia, che in qualche modo riguarda pure la democrazia in un Paese che chiede di entrare a far parte della Ue, ricordano pure che i due professori furono cacciati rispettivamente dall’università Selcuk e da una scuola elementare.

 

{loadposition carta-docente}

 

Gulmen e Ozakca sono stati arrestati a maggio con l’accusa di legami con il gruppo di estrema sinistra Dhkp-c, classificato da Ankara come “terrorista”.

A sostegno dei due docenti sono giunti appelli da tutto il mondo da intellettuali, artisti, politici e attivisti. Dal fallito putsch della scorsa estate, oltre 50 mila persone sono state arrestate e 150 mila licenziate o sospese in Turchia.