Home Politica scolastica Nella vicenda dei musicali, manca il sindacato

Nella vicenda dei musicali, manca il sindacato

CONDIVIDI

Non vorremmo prendere il posto dei sindacati della scuola, ma la faccenda dei prof utilizzati nei licei musicali, e che ora vengono lasciati a loro stessi, coi loro allievi, non l’abbiamo vista recepita dagli addetti alla difesa dei lavoratori.

La situazione è ben nota: i docenti di strumento nei licei musicali, essendo stati utilizzati, ora non potrebbero partecipare alla nuova procedura concorsuale, in quanto già di ruolo nella scuola media, ma non potrebbero ottenere neanche il passaggio di cattedra, in quanto nessuno di loro è in possesso dell’abilitazione nelle specifiche classi di concorso, create ex novo dal D.P.R. n. 19 del 14 febbraio 2016. Loro ritornerebbero nelle vecchie cattedre, ma in tale modo anche la continuità didattica si perderebbe perché al loro posto andrebbero i nuovi vincitori di concorso.  

Icotea

Un pasticcio  che non ha tenuto conto nemmeno del fatto che già da anni questi docenti insegnano nei licei musicali e che quindi si troverebbero pure in possesso di una sorta di Tfa conquistato sul campo, un tirocinio formativo che darebbe loro tutte le abilitazioni per rimanere al loro posto o comunque passare su quelle cattedre “ope legis”, così come è avvenuto per il personale delle GaE in possesso di regolare titolo abilitante.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM!

 

Ed è toccato a questo portale contattare la dottoressa Lucrezia Stellacci, esperta di legislazione nonché consigliera della sottosegretaria Angela D’Onghia, per capire meglio la sorte di questi docenti, mentre ci chiediamo e chiediamo: cosa intende fare il sindacato della scuola per chiarire meglio la vicenda? E quale posizione intende assumere nei confronti di questi docenti, lasciati senza risposta, e nei confronti dei loro allievi che perderebbero la continuità didattica? E in fase di mobilità, quali numeri intende sostenere per garantire il più possibile, sia  la continuità didattica per gli alunni e sia il personale che ha sinora prestato servizio nei licei musicali?