Home Università e Afam Niente “Dis-coll” per i ricercatori precari

Niente “Dis-coll” per i ricercatori precari

CONDIVIDI

Il Miur ribadisce che la nuova indennità di disoccupazione prevista dal jobs act per le collaborazioni coordinate e continuative non può essere estesa ai precari della ricerca. Il sottosegretario Davide Faraone conferma che assegnisti, dottorandi e titolari di borse di ricerca non hanno diritto alla nuova Dis-coll in quanto «svolgono attività non riconducibili alle collaborazioni coordinate e continuative».

Queste figure, precisa ancora Faraone,  previste nella ricerca pubblica hanno la finalità principale di «formare studiosi altamente qualificati mediante lo svolgimento di attività di studio e di ricerca scientifica». Insomma sono più studenti che lavoratori. Certo il Miur poi riconosce il lavoro «quotidianamente svolto» negli atenei da assegnisti, dottorandi e titolari di borse di studio. Che spesso portano sulle loro spalle buona parte della didattica. E ricorda come proprio per ridurre il precariato nella ricerca l’ultima legge di stabilità abbia previsto diverse misure. Tra queste il sottosegretario Faraone sottolinea, scrive Il Sole 24 Ore, il piano straordinario per i docenti di prima fascia (6 milioni nel 2017 e 10 dal 2017), il Fondo Natta per il reclutamento per chiamata diretta di docenti di prima e seconda fascia (38 milioni nel 2016 e 75 dal 2017) e il piano per l’assunzione di 847 ricercatori negli atenei e 200 presso gli enti di ricerca (47 milioni nel 2016 e 50,5 dal 2017) oltre allo sblocco del turn over. più sicuro».

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Per l’Associazione dottorandi italiani e la Flc Cgil il Miur con la sua risposta sceglie di «schiacciarsi» sulle posizioni del ministero del Lavoro e di «non riconoscere la ricerca e lo studio – che ne è sempre alla base – come attività dotate della dignità di un vero e proprio lavoro». In questo modo delegittimando «migliaia di giovani ricercatori che nel corso di questi difficilissimi anni hanno dato un contributo fondamentale al quotidiano funzionamento di atenei privi di risorse economiche e della possibilità di un efficace ricambio del corpo docente». Sulle misure della stabilità ricordate dal sottosegretario Faraone l’Adi e la Flc Cgil evidenziano invece «come tali misure siano insufficienti e destinate ad aumentare gli squilibri all’interno del sistema accademico e le disuguaglianze fra le sue componenti».