Home Politica scolastica Organico potenziato: i nodi arrivano al pettine

Organico potenziato: i nodi arrivano al pettine

CONDIVIDI

Giorni fa avevamo scritto che – sulla base de dati provenienti dai diversi Usr – l’organico potenziato si stava configurando in modo un po’ diverso dal previsto.

Le nostre anticipazioni non erano piaciute a diversi lettori che – in particolare – ci avevano fatto osservare che non sarebbe vero che fra i posti dell’organico potenziato quelli di matematica di scuola media sono pochi o addirittura inesistenti.
In realtà le tabelle che gli Usr stanno pubblicando confermano in modo chiaro le nostre anticipazioni che ora riassumiamo.
I posti di scuola primaria sono parecchi, d’altronde non era difficile prevederlo dal momento che già la legge assegna alla primaria un bel contingente di cattedre (18mila su poco meno di 49mila). A conti fatti ad ogni comprensivo o circolo didattico potrebbero toccare 3-4 posti (ma c’è sempre il dubbio che nelle province del nord un buon 20% di posti potrebbe restare vuoto a causa dell’esaurimento delle graduatorie).
Per quanto riguarda la secondaria di primo grado è ormai evidente che le 7.200 cattedre disponibili saranno soprattutto quelle di educazione fisica, educazione artistica e musica (ovviamente è anche possibile che in alcune regioni questa tendenza non sia così precisa e stringente).  Ciò significa che in ben pochi casi le richieste delle scuole potranno essere soddisfatte.  D’altra parte è anche vero che soddisfare richieste di posti relativi a geaduatorie esuarite o con pochi aspiranti appare del tutto impossibile.
Più articolata la situazione della secondaria di secondo grado dove la distriibuzione dei posti sembra essere più variegata rispetto alla secondaria di primo grado, se non altro per il fatto che i posti di questo ordine di scuola rappresentano una fetta consistente dell’intero organico potenziato (quasi il 50%).

Icotea