Home Politica scolastica Organico: tutto in diritto, basta con il potenziamento

Organico: tutto in diritto, basta con il potenziamento

CONDIVIDI

Sempre spigolando nei siti web delle scuole si scopre davvero di tutto. Per esempio ci si accorge che c’è ancora confusione su organico di diritto dell’autonomia e potenziamento.

Sul punto la legge è chiara: a partire dal 2016/2017 tutti i posti assegnati alle scuole fanno parte dell’organico dell’autonomia (compresi o posti di sostegno, di lingua straniera e così via).  L’organico di potenziamento è stato una soluzione intermedia adottata quest’anno nella fase transitoria.

Icotea

Dal prossimo anno, quindi, i posti in organico possono essere utilizzati in modo del tutto flessibile: cioè un insegnante entrato in ruolo 10 anni fa potrebbe essere utilizzato per attività progettuali mentre ad un insegnante neoassunto potrebbe toccare invece una classe; questo, in relazione ai criteri individuati dal consiglio di istituto e dalla proposte del collegio e sulla base della decisione finale del dirigente scolastico.
D’altronde nelle stesse linee guida ministeriali del 22 luglio scorso viene precisato che “i docenti così individuati [con la chiamata da parte dei ds, ndr] faranno parte dell’organico dell’autonomia complessivamente assegnato ad ogni istituzione scolastica, senza alcuna distinzione predeterminata tra organico per posti comuni e organico di potenziamento”.

Cionostante circolano in rete avvisi di scuole un po’ approssimativi e abborracciati in cui cui, per esempio, si segnala la ncessità di coprire x posti comuni e x posti di potenziamento.  
Si tratta certamente di avvisi che di per sè aprono la porta a possibili contenziosi.