Home Politica scolastica Programmi elettorali per il voto europeo: si parla poco di scuola

Programmi elettorali per il voto europeo: si parla poco di scuola

CONDIVIDI

Nella campagna elettorale per il voto europeo la scuola è pressoché assente, salvo qualche rara eccezione.

Nel programma della Lega di scuola e formazione non si parla per nulla.

MOVIMENTO 5 STELLE

Poche parole nel programma del M5S in cui si trovano alcuni punti che riguardano direttamente o indirettamente i temi della formazione

ICOTEA_19_dentro articolo
  • Stop ai cervelli in fuga: teniamo in Italia i nostri giovani e facciamo tornare chi è scappato. Più investimenti dall’Europa su istruzione, ricerca e per le start up innovative
  • Investimenti per l’istruzione, la sanità, le infrastrutture e la sicurezza del territorio fuori dai vincoli di bilancio dell’Unione Europea: per continuare a cambiare ci vuole flessibilità e disponibilità negli investimenti per lo sviluppo. Togliamo i vincoli di bilancio sull’istruzione, la sanità e le infrastrutture.
  • Erasmus per tutti, più fondi per gli studenti Erasmus+ è il volto buono di questa Europa. Triplichiamo il budget messo a disposizione per far vivere l’Erasmus anche alle fasce più svantaggiate e agli adulti iscritti ai percorsi di istruzione.

+ EUROPA

Più puntuale appare il programma di +Europa di Emma Bonino. Vediamo.

Ci impegniamo perché +Europa sia portavoce del valore che il Mediterraneo ha per il Mezzogiorno, creando “hub della conoscenza” nelle Università del Sud ad alto potenziale, attraendo e trattenendo giovani talenti stranieri con borse di studio, programmi in lingua straniera, partnership con le migliori università del Mediterraneo e dei Balcani. Investire in formazione è la prima condizione per costruire rapporti duraturi di carattere culturale, politico e commerciale. Docenti più europei, per una scuola che insegni il futuro L’apertura dei confini in Europa ha aggiunto negli ultimi anni un ulteriore elemento di separazione tra coloro che sono nelle condizioni di beneficiare a pieno delle nuove opportunità e gli altri. Occorre portare uno sguardo europeo in tutte le scuole per poter aprire a tutti gli studenti le porte dell’Europa. Il modo migliore per farlo è partire dai docenti, deputati ad aprire le menti dei nostri giovani e stimolare la loro curiosità. Occorre rendere realmente possibile una vera “mobilità formativa” dei docenti, consentendo un anno di formazione e apprendimento sul campo da realizzare in un altro paese membro

PARTITO DEMOCRATICO

Particolarmente ampio e articolato il programma del Partito democratico che propone un elenco particolareggiato degli interventi proposti:

  • Sei miliardi di euro nel bilancio europeo dedicati ai 25 milioni di bambini svantaggiati del nostro continente, con un approccio innovativo per eliminare la povertà infantile dall’Unione europea assicurando a tutti i bambini a rischio povertà
  • Accesso gratuito all’assistenza sanitaria, all’istruzione, all’assistenza per l’infanzia, all’alloggio e a una alimentazione adeguata.
  • Riformare ed ampliare la “Garanzia giovani” per favorire l’accesso delle giovani generazioni alla formazione e al lavoro.

Per il PD occorre anche rendere più europei i percorsi di studio e di formazione, mobilitare le risorse necessarie a livello europeo e nazionale e introdurre obiettivi ambiziosi e vincolanti all’interno del semestre e dei programmi europei

a) triplicare i fondi per Erasmus+ nel periodo 2021-2027 portandoli a 45 miliardi come richiesto dal Parlamento;
b) entro il 2024 riconoscimento reciproco e automatico di tutti i titoli di studio e dei periodi di studio all’esterno;
c) entro il 2030 raggiungere in tutta Europa la percentuale di:

  • 50% di laureati;
  • dispersione scolastica sotto il 5%;
  • servizi educativi per il 50% dei bambini tra 0-3 anni e per il 100% di quelli tra 3-6
  • 5% del Pil dedicato alla ricerca

Nel programma del PD si parla anche di carta europea dello studente.
Entro il 2021 attuare la nostra proposta di una E-Card dello studente per accedere in tutta Europa a facilitazioni, prestazioni e servizi (alloggi, musei, teatri, librerie e altri servizi culturali).

FORZA ITALIA

Per Forza Italia è necessario coniugare l’attenzione verso i giovani con quella per il mondo dell’impresa.

La crescita in Europa sta rallentando. L’Italia mostra i dati peggiori di tutta l’Unione ed è in recessione. La disoccupazione giovanile raggiunge l’inaccettabile livello del 32%, con picchi di oltre il 50% nel Sud. Per questo vogliamo un’Europa al fianco dei giovani e delle imprese, degli artigiani, delle professioni. Vogliamo regole fiscali europee più flessibili su crescita e lavoro e la fine della politica dell’austerità. Servono più investimenti in infrastrutture, tecnologia, formazione, ricerca ed innovazione.

FRATELLI D’ITALIA

Nel programma di Fratelli d’Italia non compare un punto specifico sull’istruzione, ma c’è un riferimento al tema “Famiglia e natalità”.
Efficientamento del percorso formativo per rendere competitivi i giovani italiani rispetto ai loro coetanei europei; incremento risorse per il diritto allo studio; concreto sistema di orientamento universitario e lavorativo. Più rispetto e tutela del corpo docente, lotta al precariato, maggiori risorse per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti.