Home Politica scolastica Quel conteso fondo per le scuole paritarie

Quel conteso fondo per le scuole paritarie

CONDIVIDI
  • Credion

E’ sotto gli occhi di tutta la comunità nazionale il singolare rilievo dato alla scuola, negli ultimi tempi, dalle grandi Istituzioni del nostro Paese. Un’attenzione direttamente proporzionale alla degenerazione educativa della vita quotidiana.

Ho sin da subito guardato – con la forza della disperazione di chi avverte l’imprescindibile necessità che le cose riprendano il verso giusto – alla Buona Scuola del documento del Governo Renzi che arriva a definirla come “pubblica, statale e paritaria”. Una rivoluzione.

Icotea

Scorgere segnali positivi domanda risposte responsabili. Letture disfattiste, se da un canto denunciano la propria incapacità di incidere positivamente nella societas, dall’altra giustificano l’irresponsabilità di chi può fare e non fa. Insomma, la battaglia per la “garanzia” dell’esercizio del diritto della famiglia domanda la costanza della goccia che scava la roccia e la sapienza di chi ritrova nel confronto la conoscenza e l’apertura. E i segnali positivi non si fanno attendere.

E’ con soddisfazione che apprendiamo che la maggioranza ha accettato di riportare al Miur tutto il fondo per le scuole paritarie sottraendolo alle necessità di pareggio di bilancio delle Regioni, che avrebbero potuto destinarlo secondo altri ordini di priorità come è già successo negli anni precedenti.

Siamo consapevoli di quanto sia arduo l’impegno che interessa il Governo, e di conseguenza ciascuno di noi, riguardo alla necessità di colmare il gap di uno Stato di diritto – quale è l’Italia – che dal 1948 ad oggi non ha saputo garantire il più naturale dei diritti riconosciuti e cioè la libertà di scelta educativa in capo alla famiglia in un pluralismo educativo. E’ altrettanto nota l’esiguità dei contributi erogati per un allievo che frequenta la scuola pubblica paritaria (500 euro annui) contro la spesa – per la gestione corrente; molto più alta la spesa completa – sostenuta dallo Stato per un allievo che frequenza la scuola pubblica statale (euro 7.319,50). Pur tuttavia quello raggiunto quest’oggi è un passaggio importante per due ragioni:

è in linea con quanto enunciato nel documento La Buona Scuola: questa scuola necessita di risorse certe e definite e soprattutto previste. Il gestore e i presidi della scuola pubblica paritaria che non possono fare affidamento su contributi (anche modestissimi) indefiniti nella quantità e incerti nei tempi di erogazione non potranno gestire alcuna progettualità. Come pure i dirigenti della pubblica statale;

la decisione della maggioranza conferma che ormai il punto è fermo: al di là dell’ideologia, cancro dell’intelligenza non del tutto estirpato (anche nei nostri ambienti religiosi), il cittadino deve e può chiedere ad un Governo – che a) ha dichiarato che la scuola è il punto di partenza, b) ha affermato che la scuola pubblica è statale e paritaria con tutto ciò che implica – questo cittadino è obbligato a esigere che l’Italia, in quanto Stato di diritto, recuperi la propria responsabilità di attore capace di “garantire” i diritti che riconosce. Pena la contraddizione, che equivale a dire e disdire, cioè ad essere come un tronco (Aristotele). E’ evidente che si richieda ai cittadini responsabili di non mollare la presa.

 

 

{loadposition articologoogle}

 

 

Ora, da un governo che ha dichiarato sia che “la scuola è una sua priorità”, sia che “la scuola pubblica è statale e paritaria” (ex L. 62/2000) con tutto ciò che implica, i cittadini devono esigere che l’Italia, in quanto Stato di diritto, recuperi la propria responsabilità di attore capace di “garantire” i diritti che riconosce ai cittadini, in modo concreto, poichè nello stesso documento dice che si deve “lavorare per dare alle scuole paritarie maggior certezza sulle risorse loro destinate, nonché garanzia di procedure semplificate per la loro assegnazione”. Due punti centrali, che finora sono quasi sempre stati disattesi perché, se non si introduce il costo standard dello studente, da erogare alla scuola pubblica, statale e paritaria, mai giustizia sarà fatta. E’ uno strumento che in tempi di spending review permetterebbe di risparmiare da una parte e investire meglio dall’altra.

I visitatori web della Buona Scuola sembrano aver creduto e sposato questa proposta che si conferma l’anello mancante per garantire un diritto dal sistema giuridico perfetto e ora si va avanti.

Il punto nuovo è che nessun cittadino può più sentirsi esonerato. Questo è il tempo favorevole, questo è il tempo dei seri e dei corresponsabili, che sanno riconoscere una svolta culturale storica capace di porsi pro populo. Anche il povero diavolo ha diritto a mandare il proprio figlio nella “migliore delle scuole possibili”, per dirla con Leibnitz!

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola