Home I lettori ci scrivono Religione cattolica, la insegnano docenti sorvegliati dalla Chiesa: se è indispensabile perché...

Religione cattolica, la insegnano docenti sorvegliati dalla Chiesa: se è indispensabile perché è facoltativa?

CONDIVIDI

Il sindacato Snadir dei docenti di religione cattolica (IRC), com’era prevedibile, è contrario alla proposta di Carlo Troilo di abolire o modificare questo insegnamento. Secondo il suo segretario, Orazio Ruscica, ci sarebbero diversi buoni motivi:

1. Le percentuali degli avvalentisi sono sempre altissime.

Icotea

2. L’IRC sarebbe oggi “un progetto didattico assolutamente diverso”, “non… avrebbe… l’intento di mettere in discussione la laicità dello Stato”, e si svolgerebbe “anche e soprattutto nell’idea di un confronto tra il cristianesimo e altre religioni”.

3. Garantirebbe “contenuti culturali e formativi indispensabili”.

4. In particolare “per cogliere aspetti fondamentali della vita, dell’arte, delle tradizioni del nostro Paese”, infatti “si studia religione perché si è innamorati di assaporare il sapere”.

5. Sarebbe “utile ad accendere dibattiti che si calino nella realtà di tutti i giorni, utile al confronto, al dialogo, allo scambio”.

6. Offrirebbe pure “strumenti utili per una riflessione critica sulla complessità dell’esistenza umana”, “anche per chi non crede: utile a impiantare semi di curiosità e stimoli intellettuali nei ragazzi”.

Occorre dunque ricordare ancora una volta che:

1. Come ha spesso documentato anche la Tecnica della Scuola, i bambini frequentano l’IRC perché le scuole non attivano alternative o lo fanno tardivamente o in maniera raffazzonata e perché altrimenti finiscono segregati, mentre nella secondaria superiore i non avvalentisi aumentano esponenzialmente perché si gestiscono da soli con l’uscita da scuola o con lo studio autonomo, tanto che in molte classi e persino intere scuole nessuno se ne avvale.

2. L’IRC si imbelletta di nuovo ma resta, qualunque argomento affronti, un insegnamento confessionale conforme alla dottrina cattolica, impartito da docenti formati e sorvegliati dalla Chiesa, persino nei loro comportamenti privati.

3. Se fosse indispensabile non sarebbe certo facoltativo.

4. Se fosse almeno utile a incrementare il sapere degli studenti, gli avvalentisi vanterebbero mediamente risultati migliori dei loro compagni di scuola, ma così non è.

5. Si fa molta chiacchiera su tutto e su niente, non c’è però alcuna sostanza concreta riferibile.

6. Non bisogna domandare all’oste se il vino è buono, quanti abbandonano l’IRC, compresi molti credenti, lo denunciano come fumoso, acritico, unilaterale, dogmatico, privo di stimoli, fatto di risposte preconfezionate e banali.

Andrea Atzeni