Home Università e Afam Ricerca, il Miur crea un Comitato di esperti per la politica

Ricerca, il Miur crea un Comitato di esperti per la politica

CONDIVIDI

Non ha perso tempo il Comitato di esperti per la politica della ricerca (Cepr), presieduto dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza: nello stesso giorno in cui si è insediato, l’organismo si è messo subito al lavoro per una valutazione delle candidature proposte dagli Enti di ricerca. Nell’annunciarlo, il ministero dell’Istruzione ha tenuto a precisare che nel corso di questa prima riunione è stato nominato vicepresidente Andrea Carlo Moro, professore ordinario di Linguistica alla Scuola superiore universitaria ad ordinamento speciale Iuss di Pavia.

Le attività del Comitato hanno l’obiettivo di individuare e suggerire le azioni più idonee per promuovere l’eccellenza nella ricerca italiana, anche al fine di renderla più competitiva nel contesto europeo ed internazionale.

“Il Comitato, insediatosi stamane – ha spiegato il ministro – sta già svolgendo il suo primo adempimento, la valutazione delle candidature proposte dagli Enti di ricerca per le ‘chiamate dirette’. Si tratta di una decisione importante che consentirà agli Enti di ricerca di assumere ricercatori o tecnologi italiani e stranieri dotati di altissima qualificazione scientifica, che si sono distinti per merito, o insigniti di alti riconoscimenti scientifici. Un passo in avanti per dare nuovo impulso alla ricerca italiana portando dentro agli Enti eccellenze riconosciute anche all’estero o richiamare in Italia studiosi che si sono trasferiti”. Il Cepr è un organo consultivo presieduto dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, composto da nove membri esperti nominati, su proposta dello stesso Ministro, con decreto del Presidente del Consiglio. Oltre al vicepresidente Moro, membri del Cepr sono i professori Roberto Battiston (professore ordinario di Fisica Sperimentale, Università di Trento), Oliana Carnevali (professore ordinario di Anatomia Comparata e Citologia, Università Politecnica delle Marche), Luciano Modica (professore ordinario di Analisi Matematica, Università di Pisa), Micaela Morelli (professore ordinario di Farmacologia, Università di Cagliari), Gustavo Piga (professore ordinario di Economia Politica, Università degli Studi di Roma Tor Vergata), Filippomaria Pontani (professore associato di Filologia Classica, Università Ca’ Foscari di Venezia), Aldo Sandulli (professore ordinario di Diritto Amministrativo, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli), Maria Gabriella Signorini (professore associato di Bioingegneria Elettronica e Informatica, Politecnico di Milano). 

ICOTEA_19_dentro articolo