Home I lettori ci scrivono Rientro a scuola

Rientro a scuola

CONDIVIDI
  • GUERINI

Sono un dirigente scolastico, titolare a Vicenza di un Istituto superiore e reggente a Padova, sempre di una scuola secondaria di secondo grado.

Come tutti i miei colleghi assisto alle continue riflessioni, proposte, modifiche, ipotesi sul rientro a scuola avanzate dai più, più o meno competenti in senso stretto e in senso lato

Icotea

Al di là di quando il rientro potrebbe ricominciare, consegno una semplice riflessione con un altrettanto semplice ragionamento.

Considerando che si rientrerà subito dopo le vacanze natalizie, e quindi dopo un periodo con ovvio rischio di aumento dei contagi, e considerando che prima delle vacanze, e cioè da settembre ad oggi, la presenza a scuola è stata gradualmente ridotta, passando da una presenza quasi al 100% ad una presenza al 25 per cento fino all’attuale quasi totale assenza totale  e sola DAD, perchè non pensare ad un rientro graduale che cominci da un 25% prudenziale, che ricomprenda le classi quinte in vista degli esami di Stato, fino alla fine di gennaio, per passare poi al 50% per le due settimane di febbraio e, nel caso di situazione migliorata o almeno non peggiorata, al rientro al 75% o totale dalle settimane successive?

Non sarebbe una situazione più gestibile anche per i trasporti?

Non sarebbe una situazione più gestibile per i Dirigenti scolastici?

Non sarebbe una soluzione di maggiore sicurezza anche  per gli studenti e i docenti?

Grazie per l’attenzione.

Giuseppe Sozzo