Home Attualità Rientro a scuola in sicurezza: De Luca vuole screening obbligatori in Campania

Rientro a scuola in sicurezza: De Luca vuole screening obbligatori in Campania

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca vuole lo screening obbligatorio per il personale scolastico. Lo dice a margine di un evento alla Fondazione Banco di Napoli, dicendosi “preoccupato” per la ripresa della scuola.

Rientro a scuola in sicurezza: De Luca vuole screening obbligatori

Secondo De Luca, quindi, i test sul personale non dovrebbero essere su base volontaria, come previsto dal Governo e annunciato dalla stessa Ministra Azzolina: “ci viene annunciato un programma di screening di massa su base volontaria, io penso che dovrebbe essere obbligatorio almeno per i docenti e per il personale scolastico. Noi ci stiamo preparando come Regione a fare questo lavoro anche in piena autonomia perché – riporta l’agenzia Dire – vorremmo dare serenità a famiglie, docenti e studenti”.

Il presidente della Regione Campania infatti si sofferma sul fatto che “tutte le valutazioni scientifiche ci confermano che, diversamente da quanto si riteneva all’inizio, la fascia giovanile non è esclusa dal contagio e che anche quando sono asintomatici possono portare in famiglia il virus“. In tal senso, si andrebbe a giustificare la misura rigida che lo stesso De Luca prevede di implementare.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il protocollo di sicurezza però prevede test volontari

Nel frattempo, in attesa del protocollo di sicurezza per il rientro a scuola, si conoscono solo alcuni aspetti fondamentali del documento condiviso da sindacati e Ministero.

Proprio sui test sierologici, sappiamo che questi sono previsti per tutto il personale scolastico a partire da fine agosto, da somministrare a docenti e ATA su base volontaria.

Inizierà il Lazio, dove sono previsti test per 120 mila lavoratori e come modello di somministrazione si adotterà quello già attivato per le indagini di sieroprevalenza al personale sanitario e delle forze dell’ordine. A Roma, ad esempio, si stanno già muovendo in tal senso.

Inoltre, la bozza prevede dei controlli a campione per gli studenti, da svolgersi durante l’anno.

 

 

Preparazione concorso ordinario inglese