Home Politica scolastica Riforme, dopo lo “schiaffo” delle comunali la minoranza Pd chiede un cambio...

Riforme, dopo lo “schiaffo” delle comunali la minoranza Pd chiede un cambio di rotta sulla Scuola

CONDIVIDI

“I risultati delle elezioni amministrative ci restituiscono la fotografia di un’Italia arrabbiata e delusa attraversata da gigantesca questione sociale”.

A dirlo è stato il senatore Pd Federico Fornaro. L’esponente democratico, della minoranza del partito di Governo, ritiene che “pensare di dare una risposta alla domanda di rappresentanza e di cambiamento che è uscita dalle urne limitandosi a modificare l’Italicum per aprire al premio di coalizione, significa non aver compreso la gravità e profondità della crisi economica, sociale e politica“.

Icotea

Secondo Fornaro, “la legge elettorale va ripensata nel suo complesso: non perché potrebbe vincere il M5S ma perché l’Italicum è nato male, come semplice manutenzione del Porcellum. Dalla direzione del PD di lunedì (4 luglio n.d.r.) deve uscire una chiara assunzione di responsabilità degli errori e dei limiti dell’azione del governo su temi quali la scuola, il lavoro per i giovani e il contrasto alla povertà: senza un cambio di rotta si va a sbattere, indipendentemente dalla legge elettorale”.

Sono sempre più i parlamentari del Partito Democratico a chiedere una revisione della politica condotta sinora, ad iniziare dalla scuola: ignorare quanto sostiene la maggioranza, quella del popolo, può costituire un boomerang che prima o poi potrebbe tornare indietro e fare molto male.

 

{loadposition eb-clil-tutti}

 

 

{loadposition facebook}