Home I lettori ci scrivono Riforme e sano realismo

Riforme e sano realismo

CONDIVIDI

 

Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 29 agosto non si è parlato di Scuola.Data l’importanza e le attese delle varie componenti interessate ai problemidel settore, probabilmente un rinvio è opportuno. Gli insegnanti in servizio,i precari, i dirigenti scolastici e amministrativi hanno le loro legittime attesecosì come le famiglie e le istituzioni  pubbliche e private . Problemi complessi 

che necessitano di scelte ponderate. Già nei decenni scorsi molte volte abbiamo sentito ministri che, appena insediatisi, hanno fatto dichiarazioni d’intenti fin troppo decise e ottimistiche che non sempre hanno avuto  un seguito soddisfacente per  difficoltà  di varia natura, alcune delle quali connesse alla compatibilità di spesa, altre a difficile praticabilità. Creare ulteriori aspettative sull’onda di richieste di parte, settoriali o corporative potrebbe essere pericoloso anche per la credibilità e la stabilità del Governo qualora le attese venissero prima fomentate e poi deluse.

Icotea

La cautela è d’obbligo. Prima di assumere orientamenti o decisioni definitive le consultazioni con le componenti interessate sono indispensabili. Un sommesso suggerimento: perché non coinvolgere anche esperti super partes quali potrebbero essere gli ex-docenti o dirigenti collocati a riposo? Non costerebbero nulla e potrebbero dare un prezioso apporto di esperienze tecniche.