Home Politica scolastica “Rimandare al 2016 la mobilità straordinaria dei docenti? Sarebbe una presa in...

“Rimandare al 2016 la mobilità straordinaria dei docenti? Sarebbe una presa in giro”

CONDIVIDI

Mario Pittoni, responsabile federale Istruzione della Lega Nord, torna sulla necessità di cambiare le norme sulla mobilità con effetto immediato: “nella nuova situazione, avvicinare gli insegnanti al luogo d’origine non può che avere ricadute positive su efficienza e costi del servizio”, sostiene l’esponente del Carroccio.

Che quindi non accetta l’ipotesi presentata dal Partito Democratico di rimandare al 2016 le modifiche all’impianto dei trasferimenti del personale. “Come fa il Pd – dice Pittoni – da una parte a riconoscere la correttezza della richiesta degli insegnanti di ruolo di un piano straordinario di mobilità prima che le nuove assunzioni ingessino il sistema per almeno tre anni, e dall’altra a rimandarlo al 2016/17 per scarsità di tempo? E’ l’ennesima presa in giro”.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition eb-territorio}

 

Il leghista non ha dubbi: “i nostri emendamenti al ddl Buona scuola a favore di un piano straordinario di mobilità prima delle immissioni in ruolo, vanno quindi assolutamente presi in considerazione. Non si porta via nulla a nessuno. Il posto attualmente occupato da un docente di ruolo verrebbe liberato con il trasferimento e usato per le nuove immissioni”.

La richiesta di Pittoni e della Lega è chiara. Di sicuro, però, i tempi stringono: adottarla già dal prossimo anno scolastica comporterebbe infatti accoglierla ed applicarla al massimo entro qualche settimana.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola