Home Attualità Scuole chiuse fino a settembre, genitori in rivolta: i disagi scaricati su...

Scuole chiuse fino a settembre, genitori in rivolta: i disagi scaricati su di noi

CONDIVIDI
  • Credion

Per le famiglie l’annuncio del premier Giuseppe Conte sulla riapertura delle scuole a settembre, illustrato in conferenza stampa il 26 aprile, comporta un impegno non indifferente. Soprattutto qualora lavorino entrambi i genitori. Certo, il Governo ha previsto delle tutele, bloccando innanzitutto i licenziamenti per altri due mesi, oltre che il rinnovo di congedi parentali straordinari e il bonus babysitter.

Certamente, però, non tutte le famiglie potranno attingervi. Anche perché le sovvenzioni prodotte sono limitate nel tempo e comportano pure riduzioni considerevoli dei compensi.

Icotea

Non è solo un problema di soldi

Ma il problema non è solo economico. Antonio Affinita, Direttore Generale del Moige, il Movimento Italiano Genitori, dice di essere preoccupato “per questa fase 2”, durante la quale “con le scuole chiuse tutti i disagi verranno scaricati sui genitori”.

Le famiglie, in sostanza, lamentano la mancanza di strutture e supporti alternativi alla scuola. Secondo Affinita, “i genitori sono preoccupati dinanzi all’esigenza di essere presenti sul posto di lavoro e dall’altro la necessità di essere presenti a gestire i figli a casa”.

Per il Moige servono interventi

Inoltre, il rappresentante del Moige reputa “penalizzante il congedo straordinario circoscritto nel tempo e nelle risorse che riduce lo stipendio del 50%. Urgono interventi che non penalizzino economicamente e professionalmente i genitori”, conclude Affinita.

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 26.03.2020 Editabile

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme