Home Politica scolastica Sel: “Da Renzi blitz arrogante. I nostri emendamenti restano”

Sel: “Da Renzi blitz arrogante. I nostri emendamenti restano”

CONDIVIDI

“Dal vertice di palazzo Chigi sulla scuola emerge chiaramente l’intenzione di procedere a un vero e proprio inaccettabile blitz, marcato dall’arroganza e dalla prepotenza del presidente del consiglio. E’ molto grave e rivela una concezione padronale del Parlamento il fatto che, mentre la commissione esamina un provvedimento, il governo decida cosa fare ignorando completamente la commissione stessa”. Lo hanno affermato la presidente del gruppo Misto-Sel, Loredana De Petris e la senatrice di Sel, membro della commissione Istruzione, Alessia Petraglia.

“Noi in ogni caso non abbiamo alcuna intenzione di ritirare i nostri pochi emendamenti e insisteremo con ogni mezzo per lo stralcio e la stabilizzazione di tutti i precari” hanno aggiunto. “La scelta di imporre la riforma della scuola con la fiducia e senza neppure aspettare la Conferenza che lo stesso Renzi aveva annunciato per luglio dimostra che sin dall’inizio il presidente del consiglio aveva in mente una sola cosa – hanno proseguito le senatrici -: imporre la sua legge senza ascoltare nessuno, né le opposizione, né le voci in dissenso all’interno del suo partito né, soprattutto, gli studenti, i docenti, i lavoratori della scuola, le famiglie”.

Icotea

“In ogni caso – concludono – non ci stancheremo mai di ripetere che sarebbe semplicissimo, se solo lo si volesse fare, risolvere il problema delle assunzioni dei precari con un decreto che garantisse le 100mila assunzioni ora e allo stesso tempo varasse un piano pluriennale di stabilizzazione per tutti i precari”.