Home Estero Si parte anche quest’anno con il Programma di formazione continua “Pestalozzi”

Si parte anche quest’anno con il Programma di formazione continua “Pestalozzi”

CONDIVIDI
  • Credion

Nell’ambito delle attività del settore di istruzione e formazione del Consiglio d’Europa, il “Programma Pestalozzi” offre a Dirigenti Tecnici, Scolastici e Docenti di ogni ordine e grado, con contratto a tempo indeterminato, l’opportunità di partecipare a seminari, scuole estive e moduli di formazione europei.

Il personale interessato deve possedere i seguenti requisiti generali di ammissione:

Icotea
  • contratto a tempo indeterminato e superamento del periodo di prova;
  • svolgere a scuola (se Dirigenti Scolastici o docenti) l’effettivo servizio proprio della qualifica;
  • avere una o più certificazioni linguistiche di livello non inferiore a B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCE

I candidati dovranno far pervenire telematicamente ai rispettivi Uffici Scolastici Regionali, che dovranno indicare l’indirizzo email di riferimento per la ricezione delle candidature, entro il 31 luglio 2015:

  • una domanda avente per oggetto “Partecipazione al Programma Pestalozzi promossEuropa. Selezioni 2015” e attestante i suddetti requisiti di accesso;
  • il proprio curriculum vitae (format europeo allegato);
  • la certificazione linguistica attestante il livello di competenza di una o più lingue straniere, secondo i livelli del QCER (se non laureati in lingue e letterature straniere).

Per i candidati con una sede di servizio diversa da quella di titolarità, la competenza dell’U.S.R. è determinata dalla sede di servizio.

Per partecipare alle attività del Programma Pestalozzi, i candidati selezionati potranno presentare la propria candidatura scegliendo nell’elenco dell’apposito sito del Consiglio d’Europa – www.coe.int/pestalozzi – i seminari, le scuole estive e i moduli di formazione europei a cui proporsi e compilando il form on-line con almeno due settimane di anticipo rispetto alla data limite.

Al rientro in Italia, il candidato, oltre alla documentazione richiesta dal Consiglio d’Europa o dal Paese organizzatore, dovrà presentare una relazione conclusiva sull’attività svolta (in lingua italiana).

Coloro che parteciperanno ad un’attività del Programma Pestalozzi in uno degli Stati Membri dovranno attendere due anni prima di presentare una candidatura per un nuovo corso.

Per informazioni: nota prot. 4089 del 12 maggio 2015