Home Politica scolastica Snals, Serafini: “Non firmeremo se non ci saranno modifiche sul contratto Scuola”

Snals, Serafini: “Non firmeremo se non ci saranno modifiche sul contratto Scuola”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Si sono chiusi oggi i lavori dell’XI  Congresso nazionale dello Snals-Confsal. Dal dibattito, cui hanno partecipato i 700 delegati provenienti da tutta Italia, è emersa la mozione finale.

Il Congresso impegna lo Snals, guidato oggi dal segretario generale Elvira Serafini, a porre al centro della propria azione il rafforzamento del sindacato sul territorio e il raggiungimento degli obiettivi politici, sindacali e culturali nella difficile trattativa per il rinnovo del CCNL del comparto Istruzione e Ricerca scaduto da quasi dieci anni.

Sul rinnovo del CCNL, il testo della mozione dice esplicitamente che: “Deve essere acquisito un aumento retributivo per tutto il personale, che non solo faccia recuperare il perduto potere di acquisto, ma che dimostri la precisa volontà politica di valorizzarlo anche attraverso la riconduzione alla contrattazione di materie ora rilegificate, a garanzia della partecipazione democratica ai processi d’innovazione di tutte le professionalità. Questa valorizzazione passa anche attraverso un ripensamento del sistema scolastico e della centralità della sua funzione, a partire da un nuovo e più efficace assetto dei saperi disciplinari che devono recuperare dignità e forza educativa, con particolare riferimento alla lingua italiana che oggi soffre una crisi mortificante, come hanno denunciato oltre 500 intellettuali, universitari e non, in un recente documento”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il segretario Serafini ha dichiarato: “Sul rinnovo del CCNL ricevo dall’assemblea congressuale una precisa indicazione: il testo così com’è non va firmato. L’istruzione e la ricerca, tutti i lavoratori della conoscenza, docenti, dirigenti e personale Ata, meritano di più e non solo sul piano economico. Merita di più anche il sindacato con cui il governo e le forze politiche debbono tornare a confrontarsi. Lo merita di sicuro lo Snals-Confsal che ha sempre praticato l’autonomia e la libertà e non ha mai avuto posizione preconcette, ma che su questo punto non intende fare sconti perché è in gioco il riconoscimento del nostro lavoro e il futuro delle nostre generazioni”

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese