Home Politica scolastica Solo lo Snals difende il bonus

Solo lo Snals difende il bonus

CONDIVIDI

Il sindacato autonomo Snals boccia senza riserve la proposta di boicottare il bonus di 500 Euro del governo Renzi destinato all’aggiornamento.

“Boicottare? Non se ne parla – dice lo Snals- non inviteremo mai gli insegnanti ad autoespropriare una parte del proprio stipendio per finanziare corsi di aggiornamento che devono essere organizzati e coperti economicamente dal Ministero”.

Icotea

Secondo Il Gazzettino di Mantova ci sarebbe una evidente scollatura  tra Cgil e Snals e una differenza di base nella ragione che spinge a contestare la riforma. Non a caso, Snals e Cgil hanno indetto assemblee distinte nelle scorse settimane per fare il punto con il personale sulla riforma.

Ma se questa distinzione (la Flc ha organizzato le assemblee assieme a Cisl e Uil) è in parte legata anche a vicende locali (una querelle sull’elezione delle rsu in una scuola di provincia) e sulla natura autonoma (appunto) dello Snals, su questa vicenda del bonus per gli insegnanti emergono dei distinguo più profondi.

Lo Snals registra “con soddisfazione il fatto che i bonus siano già un dato concreto per i docenti. E giudichiamo positiva l’iniziativa, perché finalmente usciamo dalla visione impiegatizia dell’insegnante. È giusto considerare un docente che va a teatro, che compra libri, che partecipa a Festivaletteratura e al Festival della filosofia, come un professionista che aggiorna e amplia le proprie conoscenze”.

La Flc invece attacca il bonus su due fronti: la mancata estensione del beneficio a precari e personale non docente e il carattere individuale (“individualista” è l’accusa lanciata alla novità e alla riforma della Buona scuola dal segretario provinciale) dei meccanismi di erogazione del bonus.