Home Politica scolastica Spending review e 24 ore settimanali

Spending review e 24 ore settimanali

CONDIVIDI
  • Credion

È bastato che il nostro giornale pubblicasse che con la prossima finanziaria, e la relativa implementazione di una nuova ma certa spendig review, che interesserà tutti i ministeri, che si è aperta la caccia a chi la spara più grossa, compresa quella di un ritorno all’idea di aumentare le ore di insegnamento a 24 ore, delle 18 attuali.

Molti osservatori, un po’ alla buona, hanno rispolverato vecchie dichiarazioni: «…Dobbiamo abituare la gente che l’istruzione sarà molto più lunga e costosa. Le assunzioni a tempo indeterminato molte di meno, i tempi di lavoro più lunghi».

Icotea

“Tempi di lavoro più lunghi” non significa portare l’orario dei docenti da 18 a 24 ore, né il fatto che a dirlo sia stato un esponente di punta del Pd, può voler dire a tutti i costi che così sarà, considerata pure la battaglia che il Pd fece all’epoca in cui il ministro Francesco Profumo, nel governo Monti, sibilò l’idea.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Fra i grandi oppositori, oltre a Bersani, candidato premier alle successive elezioni, anche Francesca Puglisi e tutto lo staff di esperti di scuola. Improbabile dunque la riesumazione di quella proposta per far quadrare i conti.