Home Università e Afam “Talent Italy”: il primo Challenge Prize italiano

“Talent Italy”: il primo Challenge Prize italiano

CONDIVIDI

In questi giorni è terminata la prima fase del bando MOOC (Massive Online Open Course) previsto nell’ambito di “Talent Italy”, il primo Challenge Prize italiano.

Alla seconda fase sono stati ammessi 21 progetti. I soggetti proponenti saranno chiamati a sviluppare concretamente, nei prossimi 6 mesi, i loro corsi che sono destinati a scuole e università.

Icotea

I macro obiettivi del programma di Challenge Prize del Miur sono:

1. l’impatto sul sistema della ricerca e sui ricercatori, con l’obiettivo di creare una comunità di innovatori e ricercatori operanti all’interno di un ecosistema in cui nascono e prosperano sinergie con gli stakeholder più significativi nel panorama nazionale ed europeo della ricerca e dell’innovazione; 

2. l’impatto sulla società, al fine di  promuovere il merito ed incoraggiare la diffusione della conoscenza, stimolando la partecipazione di una platea di attori più ampia possibile (crowdsourcing) e offrendo la prospettiva di premi attribuiti a soluzioni di particolare rilievo innovativo e commisurati al risultato raggiunto; 

3. l’impatto sul sistema produttivo, ispirandosi ai principi della open innovation e consentendo di ridurre in maniera significativa i tempi di trasformazione dei risultati della ricerca in innovazioni aventi impatto sul mercato e ricadute sulla società